Nube di fumo a Milano, come proteggersi

Il vento ha portato la nube verso il centro, causando disagi e leggeri malesseri

Da domenica sera brucia la discarica di rifiuti di via Chiasserini, periferia Nord-Ovest di Milano. I vigili del fuoco sono a lavoro da giorni per spegnere l'incendio doloso (guarda il video) appiccato da ignoti e in queste ore sulla zona si è sviluppata una cappa di fumo che spaventa residenti e cittadini di tutta la metropoli.

La preoccupazione è tale che è scoppiata una vera e propria psicosi all’ombra della Madonnina: in molti hanno preso d’assalto le farmacia per comprare le mascherine anti-inquinamento. Ecco, diciamo che non tutte, però, filtrano a dovere, anche se in commercio se ne trovano di valide. Per cui è comunque bene averla, piuttosto che niente.

Poi, può essere utule bere molta acqua, che fa sempre bene. In questo caso bere qualche bicchiere in più aiuta a favorire l’eliminazione di eventuali sostanze indesiderate.

Comunque, per proteggersi la cosa migliore è la prevenzione, ovvero esporsi il meno possibile al fumo. Se si è in casa o in ufficio, è bene perciò tenere le finestre chiuse ed evitare di sostare all’aperto, a partire dalla zona interessata dal rogo.

Commenti
Ritratto di giovinap

giovinap

Mer, 17/10/2018 - 17:31

cara redazione de il giornale, cosi trattate i cittadini milanesi; come imbecilli? scrivendo nube di fumo mentre nella realtà è una nube tossica! che brutta fine che avete fatto!

qwewqww

Gio, 18/10/2018 - 10:49

@giovinap redazione scrivete "nube tossica" che i napoletani ci tengono, anche tutto l'apparato statale romano-napoletano-meridionale che sta conducendo le "indagini" sulla nube di fumo...ops... nube tossica. E' una cosa seria... dietro quella nube c'è stato tanto lavoro, tanto impegno... "E' "stato" la mafia"...