Ok ai fondi per le scuole non statali

Il Consiglio regionale della Lombardia dà il via libera alle linee di indirizzo per i contributi alle scuole dell'infanzia non statali e non comunali per il quinquennio tra il 2013 e il 2018.
«L'obiettivo del provvedimento - ha detto Antonello Formenti, consigliere della Lega Nord - è aumentare la capacità della Regione di offrire l'accesso alle scuole dell'infanzia e nel contempo mantenere calmierato il costo delle rette per non gravare in maniera eccessiva sulle famiglie. Per ottenere questo risultato è indispensabile l'aiuto delle strutture private che coadiuvano quelle statali, anche allo scopo di garantire questo servizio nelle zone disagiate, periferiche o nei piccoli comuni di montagna». Il piano prevede, per ogni anno, uno specifico stanziamento di 80mila euro. «Regione Lombardia - spiega la Lega non ha mai fatto mancare i finanziamenti fino ad arrivare agli 8 milioni e 900mila euro dell'anno in corso per un totale, nell'ultimo triennio, di 26 milioni di euro messi in campo».
«Ci auguriamo che ci siano garanzie e stabilità nell'erogazione dei fondi - sprona Fabio Pizzul del Pd - Non è possibile che alle scuole i contributi arrivino solo alla fine dell'anno, ma per la sostenibilità dei bilanci è bene che vengano assegnati per tempo».