Da oltre 50 anni accoglienza, rispetto e assistenza gratuita

Casi di povertà in costante aumento. Un esercito di 800 volontari organizzato per far fronte a qualsiasi necessità

Viviana Persiani

San Francesco d'Assisi, oltre a rappresentare un esempio virtuoso da imitare, ha lasciato in eredità principi e valori come l'amore per il prossimo, un forte spirito di carità, l'accoglienza e la misericordia per i poveri. Ecco l'origine della generosità, e non solo d'animo, dei Frati Minori Cappuccini di Milano che, attraverso «Opera San Francesco per i Poveri» di viale Piave 2, lavorano per assicurare primaria e gratuita accoglienza alle persone che non possono permettersi nemmeno l'essenziale: vitto, vestiti, igiene personale, cure mediche, dignità e speranza. Padre Maurizio Annoni, responsabile di Osf, dati alla mano relativi alla gestione dello scorso anno, racconta come nel 2015 Opera abbia continuato ad erogare servizi di prima accoglienza rispondendo alle numerose richieste.

«Facendo un raffronto con il 2014 - dice Padre Maurizio - quando il servizio mensa ha servito ben 870mila pasti, nel 2015 c'è stato un trend negativo. Ma non illudiamoci perché i casi di povertà sono comunque in aumento. Si tratta, infatti, di un fenomeno accadutto solo perché è stato contenuto il flusso di profughi in entrata e altre associazioni si sono candidate per condividere l'operazione di soccorso verso queste persone offrendo loro beni di prima necessità».

Nel 2015, sono stati registrati 66.501 ingressi alle docce, dato che include, oltre a questo servizio, anche pediluvi e barbe, per una media giornaliera di 263 ingressi: «Sicuramente c'è stato un incremento dell'accesso alle docce delle donne e il guardaroba ha erogato 12.768 cambi d'abito», aggiunge Padre Maurizio, che fornisce i numeri dei servizi del Poliambulatorio: in un anno, infatti, sono state effettuate oltre 33mila visite, tra medicina di base e specialistiche e prestazioni dentistiche.

«Partecipiamo a diversi progetti per la prevenzione, sia per le donne, sia per i bambini - continua - Ad esempio quello per la Prevenzione amica delle donne migranti che coinvolge donne in gravidanza, tutelandole da rischi di origine infettiva. Non meno importanti sono i progetti di psicoterapia, psicologia e psichiatria, sempre più richiesti, per sostenere persone davvero provate da situazioni di stress postraumatico. I nostri 189 medici volontari, suddivisi in ben 20 specialità, collaborano tra loro e in rete per garantire ai nostri utenti le necessarie cure. Opera San Francesco, da oltre 50 anni, è quotidianamente impegnata a erogare servizi e tanta carità, ponendo al centro del suo lavoro l'importanza di ogni singolo individuo, rispettosi della sua storia, del suo vissuto e della sua dignità di persona. Osf rappresenta un punto di riferimento per tutti; un esercito di 800 volontari è organizzato per prestare un servizio continuo e gratuito. I costi di Opera sono sostenuti dalla generosità dei benefattori, sia privati sia aziende. Ultimamente il difficile momento economico ha provocato una contrazione delle offerte. Riceviamo spesso lettere, da parte dei nostri donatori fidelizzati, con le quali, raccontandoci di essere incorsi in problemi di lavoro o di denaro, si giustificano per non riuscire ad essere puntuali con le loro offerte. La raccolta del 5x1000 ci offre un aiuto: siamo grati alle oltre 50mila persone nel 2015 anno hanno firmato a favore di Osf. Con molta soddisfazione - conclude Padre Maurizio - gestisco Opera San Francesco per i Poveri e mi piacerebbe arricchire i servizi, soprattutto quelli per l'accoglienza notturna».

Padre Maurizio ha tante idee. Il prossimo passo è la loro realizzazione e per questo occorre l'aiuto di tutti.