Ora gli spacciatori sorpresi in casa non vanno in cella

Chi viene beccato a vendere droga nella sua abitazione va automaticamente ai domiciliari. E tutto ricomincia

Dal primo gennaio di quest'anno fino all'altro ieri hanno messo a segno 490 arresti, tra spacciatori e borseggiatori. Liberi da tutte le implicazioni della divisa, spesso a bordo di moto, apparentemente spregiudicati e spesso caratterizzati da un look che può andare dal grunge al trasandato puro fino all'alternativo molto estroverso, i 60 componenti delle cinque squadre di giovani poliziotti (tre delle quali si dedicano solo ed esclusivamente allo spaccio della droga in strada, tra Milano e l'hinterland) della sesta sezione «criminalità diffusa» della squadra mobile di Milano rappresentano nell'immaginario quello che in genere ci piace chiamare «sbirro». In realtà loro sono sicuramente quelli «sul pezzo» ogni giorno. E questo non significa che i loro colleghi lavorino di meno, no. Tuttavia questo ruolo on the road dalla 7 del mattino fino, quando capita, anche oltre le tre di notte, facendo dell'attività di repressione dei fenomeni criminali di strada il loro pane quotidiano, determina anche una sorta di «scuola» a tempo pieno su chi, come, dove e in che modo si spaccia e si rapina a Milano. E, va da sé, su come si combattono questi fenomeni di microcriminalità, quelli che più infastidiscono la gente nella vita quotidiana. Come lo strappo di una collanina, il colpo al supermercato o in farmacia in prossimità dell'orario di chiusura, lo scippo del Rolex. Reati per i quali intervengono spesso i «Falchi» della sesta sezione, 4 poliziotti in borghese in servizio la mattina in moto e altri 4 nel pomeriggio. «Impegnati in un'impresa difficilissima: cogliere il malvivente nella flagranza del reato, in modo che, in seguito, la pena sia più efficaci» spiega Luca Izzo, 31 anni, di origine casertana. Che ci racconta con orgoglio come i suoi ragazzi, in questi mesi, abbiano arrestato per furto aggravato oltre un centinaio di balordi perlopiù per borseggi di portafogli sui mezzi pubblici e nei negozi, ma anche per la truffa della «ruota bucata» e fatti simili.

Gli stupefacenti, lo spaccio in strada e nelle campagne adiacenti la città (dove la droga si nasconde meglio e si fanno più affari) rappresenta però il vero, infinito problema. Tuttavia, visto il sovraffollamento delle carceri, ora ci si è messa anche la legge 117 del 2014. E chi viene sorpreso a spacciare in casa, non si fa un'ora di cella, ma viene messo automaticamente ai domiciliari. Solo per i reati ad elevata pericolosità sociale (fra cui lo stalking e i delitti di mafia e terrorismo) infatti il magistrato, che si limita ad applicare la normativa, dispone la custodia cautelare in carcere. Ed ecco che il pusher sconta la pena tra le mura di casa. Dove potrebbe, adottando gli opportuni accorgimenti, rimettersi a spacciare.

Il dirigente della squadra mobile Alessandro Giuliano ci tiene a sottolineare che c'è spaccio e spaccio: «Quello ad alto livello, a Milano, è sempre gestito dagli albanesi. Che perlopiù vendono eroina e per strada non ci stanno mai». E per fortuna che ultimamente gli albanesi arrestati per spaccio sono in aumento. Per strada, a vendere l'ero (reciclatasi attraverso i vari modi, devastanti, in cui viene assunta: fumata e sniffata) ci stanno marocchini e italiani; tunisini, gambesi, senegalesi e centrafricani si muovono nella zona della movida e offrono cocaina (una dose da 0.5 grammi, la classica «pallina», costa 50 euro) e marijuana. In stazione Centrale si trovano ancora eroina e cocaina, spesso di pessima qualità. «Certo non si arricchiscono, sono mezzi disperati - spiega Izzo -. Chi fa più soldi con questo commercio e davvero vive dello spaccio, sono coloro che smerciano droga nei capannoni a ridosso delle zone periferiche di via Padova, la zona di Rogoredo e via Ripamonti e nell'hinterland, dove i controlli, sono meno pressanti».

Commenti
Ritratto di Fradrys

Fradrys

Ven, 10/10/2014 - 09:20

Quindi chi spaccia in casa sconterà la pena in casa? Così può continuare a spacciare e non perde clienti. Ottima ideona! chi l'ha partorita adesso pretende uno sconto da ogni spacciatore, no?

lamwolf

Ven, 10/10/2014 - 09:29

Che SCHIFO di giustizia, ma come fate a non VERGOGNARVI. Spero che i vostri figli la vadano ad acquistare a chili.

pittariso

Ven, 10/10/2014 - 10:00

Così possono continuare a "lavorare" e quindi aumentare il PIL.Ma vi rendete conto?

pittariso

Ven, 10/10/2014 - 10:00

Così possono continuare a "lavorare" e quindi aumentare il PIL.Ma vi rendete conto?

bruno.amoroso

Ven, 10/10/2014 - 10:25

se ci sono fiorenti spacci è perchè ci sono abbondanti clienti. Come per la prostituzione

Ritratto di Azo

Azo

Ven, 10/10/2014 - 10:31

Se in parlamento e nella magistratuta, fossero sinceri, direbbero apertamente, quanti di loro usano la cocaina. QUESTO È IL PERCHÈ di tutti questi sotterfugi !!!

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Ven, 10/10/2014 - 10:32

Fanno bene in Asia (Cina, Vietnam ecc....) pena di morte. L'occidente è decrepito.

Ritratto di depil

depil

Ven, 10/10/2014 - 10:37

poveracci, quelli che hanno partorito la decisione sono consumatori abituali di droga.

bruno.amoroso

Ven, 10/10/2014 - 10:48

se c'è spaccio fiorente è perchè ci sono molti clienti. Come per la prostituzione

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Ven, 10/10/2014 - 10:52

Per controllare la Cina gli inglesi (in realtà Sassoon era ovviamente un "eletto") pensavano di diffondere in maniera patologica il consumo di droga... il regime vuole sotto di sé masse di imbecilli... drogati, ignoranti, sradicati ecc... palese.

vince50

Ven, 10/10/2014 - 11:48

Inutile farsi false illusioni,cambieranno i metodi ma la vendita di droga NESSUNO la fermerà MAI!!!!!.Chi ne vuole fare uso la trova non ci sono problemi,più o meno costosa più o meno "buona" ma la troverà.Sono sempre andato controcorrente e non mi voglio smentire,le droghe vanno vendute in modo legale.Prezzo competitivo,fuori dalle palle gran parte della criminalità il tutto + iva!!!!.Capito mi hai?

Ritratto di fritz1996

fritz1996

Ven, 10/10/2014 - 12:28

Legge 117 del 2014: un altro capolavoro del governo Letta-Alfano, il peggiore del dopoguerra (non tengo conto del governo Monti perché era italiano solo di nome).

bruno.amoroso

Ven, 10/10/2014 - 13:02

vince50: ma cosa vuoi che ne capiscano qui.. è un ragionamento troppo intelligente per i bananas, ancora convinti che la repressione e il proibizionismo portino qualche risultato. Non gli basta essere smentiti ripetutamente dalla storia e dai fatti

vince50_19

Ven, 10/10/2014 - 14:13

E che cazzo, anche loro contribuiscono ad incrementare Pil italiano, no? Governo senza vergogna!!!