Orobie Ultra Trail, in seicento al traguardo dopo 140 km sulle vette

Si è chiusa la seconda edizione del Reda Rewoolution Orobie Ultra Trail , la durissima corsa in montagna su ultra distanze che ha attraversato per un weekend i paesaggi delle Alpi Orobie. È una delle prove più impegnative e affascinanti del calendario internazionale che si corre su due diversi tracciati. L' «Out» (Orobie Ultra Trail), partito venerdì alle 12.00 dalla storica Piazza dell'Orologio Clusone (Bergamo), ha visto sfidarsi 255 atleti su un percorso di 140 km con 9500 metri di dislivello positivo. Il vincitore è stato Oliviero Bosatelli, che ha corso in testae per tutta la gara e ha tagliato il traguardo in Piazza Vecchia a Bergamo Alta dopo 24 ore 08 minuti e 48 secondi dalla partenza, con un vantaggio di più di un'ora sul secondo classificato Guido Caldara (25h20m23s) e il terzo Andrea Macchi (25h43m41s). Il Gran Trail Orobie lungo 70 km per 5200 metri di dislivello positivo, ha preso il via invece alle 10.00 di sabato 30 luglio da Carona (Bergamo), dove ben 723 atleti si sono dati appuntamento per sfidare i propri limiti, tra gli applausi del pubblico accorso per incitarli. Il lituano Gediminas Grinius è riuscito a varcare la soglia della Città Alta per primo, in 8 ore 35 minuti e 28 secondi, seguito a stretto giro da Roberto Gil Lopez (8h50m20s) e Pablo Barnes (9h03m00s), rispettivamente secondo e terzo classificato. Il Reda Rewoolution Orobie Ultra Trail si è concluso con oltre 600 finisher all'arrivo nelle due gare.

ARuz