Parisi in quattro simboli Daverio nella lista civica

Domani convention a teatro per la squadra del candidato sindaco che compare anche nel logo Fdi. Con la Lega il gioielliere Corazzo

Alberto Giannoni

Nuova convention-show di Stefano Parisi. Domani alle 10 al teatro Franco Parenti il candidato sindaco del centrodestra presenta la sua lista civica. Sono già accreditate 500 persone (giornalisti esclusi) e il pienone è assicurato. Parisi ha mostrato sorprendenti doti di comunicatore in questa fase di campagna. Anche questa occasione, dunque, sarà costruita su misura su di lui. Ma parlerà sicuramente anche Corrado Passera, leader di Italia unica e oggi co-promotore della lista, che nasce come alleanza fra la squadra di Parisi e la «Milano Unica». E saranno presenti tutti i candidati. Ma tutte le liste sono chiuse o quasi.

LISTA PARISI

Spazio sul palco oggi anche per l'ex sindaco Gabriele Albertini e per il numero due Manfredi Palmeri, «pari grado» come capolista potenziale di «Milano Unica». Altri candidati in ordine alfabetico. In lista anche Philippe Daverio, notissimo storico dell'arte, critico e volto tv. Poi l'imprenditore Fabrizio Battanta, il giornalista Maurizio Tortorella, l'ex assessore Stefano Zecchi, il giornalista Dario Fertilio, il consigliere comunale Raffaele Grassi, poi Francesco Migliarese, Marco di Tolle, Daniela Reho, Viola Scarselli, la sindacalista Cisl Rosanna Favulli, l'imprenditrice Giovanna Spadoni, il professore Ugo Arrigo, il generale dei Carabinieri Alberto Bellotti.

FORZA ITALIA

Azzurri pronti con un simbolo in cui compare il nome di Parisi insieme a quello di Silvio Berlusconi. Capolista è Mariastella Gelmini, al numero due Pietro Tatarella, gli uscenti Andrea Mascaretti, Gianluca Comazzi, Luigi Pagliuca, Armando Vagliati, Fabrizio De Pasquale. Sicuramente in campo Alessandro De Chirico, Silvia Sardone, Simone Paleari, Flavio Fera. In lista il direttore di «Tempi», Luigi Amicone.

LEGA NORD

Liste chiuse per la Lega. Il nome nel simbolo è quello di Matteo Salvini, capolista con l'obiettivo di giocare un ruolo (magari come assessore alla Sicurezza) anche nella giunta Parisi, che potrebbe nascere come vero e proprio «dream team». Per il Carroccio, dopo Salvini, corrono il capogruppo Alessandro Morelli gli altri uscenti Luca Lepore e Massimiliano Bastoni. In squadra anche Laura Molteni, l'ex deputato consigliere regionale Roberto Bernardelli ma anche tanti consiglieri di zona uscenti: Alessandro Giacomazzi, Carlo Goldoni, Enrico Salerani, Cristina Scaramucci, Gianmarco Senna. Novità importanti per gli altri nomi: in lista il gioielliere di Rodano Rodolfo Corazzo, il presidente del poligono di Milano Mario Berardinetti e un ufficiale dell'aeronautica, Luca Papini.

FRATELLI D'ITALIA

Anche Fratelli d'Italia mette Stefano Parisi nel simbolo, insieme al nome di Giorgia Meloni. Capolista l'ex vicesindaco Riccardo De Corato, poi Paola Frassinetti, l'uscente Marco Osnato l'ex assessore Maurizio Cadeo, il volto tv Simona Tagli. In lista Caterina Anselmi di Gioventù Nazionale, il consigliere di zona Andrea Pilati, il figlio di una delle vittime di Kabobo, Andrea Masini.

MILANO POPOLARE

La lista (chiusa ieri) è animata da Ncd e guidata da Maurizio Lupi. Schiera gli uscenti Carmine Abagnale e Matteo Forte, poi l'ex assessore Stefano Pillitteri, l'ex rettore del Politecnico Adriano De Maio, l'avvocato Daria Pesce, Federico Illuzzi, Carolina Pellegrini, Claudia Ferrari e Claudio Santarelli.

Commenti

Abraracourcix

Sab, 16/04/2016 - 07:55

Traspare una volta di più la bieca mentalità cattoprovinciale del centrodestra meneghino. 1993-2011: avete avuto 18 anni di tempo per rendervi conto che amministrare la cosa pubblica è roba seria, ma tanto per cambiare non l'avete capito.