Il parrucchiere potrà «affittare» le sue poltrone

Una «poltrona per due». La giunta ha approvato le linee guida del nuovo regolamento che permetterà a estetisti, parrucchieri, tatuatori, centri benessere di sperimentare l'Affido di poltrona o cabina, una nuova disciplina contrattuale proveniente dagli Stati Uniti e dai Paesi anglosassoni che permette l'esercizio della professione e dell'attività da parte di soggetti diversi in uno stesso luogo. I soggetti coinvolti nel rapporto sono il titolare del salone, ossia l'affidante, e il professionista abilitato, ossia l'affidatario, che stipuleranno un contratto per la «gestione e il godimento della cosa produttiva». Un provvedimento utile sottolinea l'assessore al Commercio D'Alfonso per superare la crisi ed e far emergere il lavoro in nero.