È partito il Ramadan, critiche alla giunta: «Buonismo dannoso»

Possono bastare «simpatia e solidarietà»? Ed è giusto fare concessioni senza chiedere il rispetto di regole e doveri? Sono le domande rivolte al vicesindaco Maria Grazia Guida, dopo che il numero due di Palazzo Marino ha reso noto il suo messaggio augurale ai centri islamici milanesi, che ieri hanno iniziato il Ramadan - il mese sacro di digiuno e preghiera. Un messaggio che - secondo Riccardo De Corato - sancisce «lo sbracamento» della giunta. L'ex vicesindaco vede - da parte del Comune - solo una «sommatoria di disponibilità». Critica anche la Lega: «L'integrazione - spiega Alessandro Morelli - è il contrario di quel che stanno facendo. Si pensa solo a fare concessioni e non alla responsabilità. Mi chiedo se la Guida, per esempio, si è posta il problema di queste donne e madri costrette a vivere, a Milano, in questa prigione che è il burqa». (...)