Pavé, 7 milioni per la manutenzioneStrade storiche L'investimentoLavori in via Manzoni e piazza Missori

Oltre sette milioni di euro per sistemare il pavé sconnesso, nelle vie storiche della città. Lo ha deciso la Giunta che, venerdì, ha approvato il progetto definivo per la manutenzione straordinaria delle strade in pietra naturale.
Si tratta di lavori, inseriti nel Piano Triennale delle opere pubbliche 2013, per un importo complessivo di 7.094.000 euro. «Le vie interessate - si legge in una nota del Comune - saranno le strade in pietra della città, dalla delimitazione dei borghi storici della periferia milanese ad aree come quella della Biblioteca di Baggio fino alle zone del centro come via Manzoni e piazza Missori». Prosegue dunque l'impegno del Comune come era stato annunciato quest'estate dall'assessore Carmela Rozza, in occasione della risistemazione di piazzale Baracca. Lì sono state sostituite le pietre con l'asfalto. E da lì anche altre vie avevano cambiato look, da via Saffi, a via Monte Santo, via Monte Grappa, in piazza Castello fra via Minghetti e via Ricasoli erano stati eliminati i cubetti in porfido così come in via Galvani e via Fatebenefratelli.
Tutto materiale ovviamente recuperato, pronto per essere riutilizzato nelle strade più prestigiose della città in vista soprattutto di Expo. Un'idea che i primi di novembre l'assessore Rozza aveva confermato. «Certamente sarà messo a nuovo il pavé di piazza Missori - aveva dichiarato decisa l'assessore dopo un sopralluogo - una piazza violentata e oggi in condizioni oscene». Ma l'intenzione annunciata era di operare anche in via Manzoni, via Foscolo, via Agnello, via Santa Radegonda e via Berchet risistemando le antiche pietre.
In attesa di un «piano pietra» aggiornato che fotografi lo stato di salute delle vie cittadine e i suoi 520mila metri quadri di masselli in granito, i 157mila cubetti in porfido e i 15mila ciottoli per poi operare in un senso (ovvero reintegrando le pietre sciupate, mosse e pericolose) o nell'altro (cioè sostituendole con una colata di asfalto) ora si partirà con i primi interventi. Sono trascorsi otto anni dall'ultima volta che è stato fatto un appalto specifico per la manutenzione delle strade in pietra.
Secondo quanto previsto dal provvedimento emanato dall'Amministrazione, i lavori saranno affidati a imprese specializzate in questo tipo di interventi.
«Continua così l'approvazione degli interventi che fanno parte dei 260 milioni di euro di opere pubbliche - ha dichiarato l'assessore ai Lavori pubblici Carmela Rozza - per i quali abbiamo già chiesto il prestito alla Cassa Depositi e Prestiti, che realizzeremo l'anno prossimo. Con questa azione puntiamo a risistemare lo stato delle vie storiche in pietra, sia in periferia che in centro, migliorando l'aspetto di tutta la città in vista di Expo 2015».