Il Pd all'attacco sulla consulenza al leghista Galli

Un consulente del presidente per lo «sviluppo di progetti speciali a livello macro-regionale. È l'incarico che la giunta lombarda di Roberto Maroni ha attribuito - secondo il Pd - all'esponente leghista ed ex presidente della Provincia di Varese Dario Galli. «Dario Galli si occuperà di un progetto considerato «prioritario» e che riguarda l'obiettivo centrale della legislatura regionale. Così replica lo staff del governatore lombardo. In base alle legge regionale, si fa poi notare, il presidente ha la possibilità di nominare cinque consulenti, mentre Maroni ha deciso di limitarsi a uno. Quanto la Regione precisa che ammonta a 50.000 euro annui, corrispondenti a due terzi del massimo, che equivale a 150mila euro.