Più treni e linee ferroviarie Ed ecco le strade promosse

Si completa la Tangenziale nord. Bocciata la Toem

Non solo metrò. Per integrare il trasporto pubblico contenendo il traffico veicolare, il piano della Regione prevede il potenziamento delle linee ferroviarie suburbane e regionali, di diretta competenza del Pirellone. Sono previsti alcuni nuovi capolinea, dunque, e nuove linee suburbane di corto raggio sulle tratte più congestionate. E treni aggiuntivi. L'obiettivo è interconnettere i sistemi di rango differente (passanti, regionali e Regio-Express). Le stazioni poi, secondo questo piano, dovranno essere attrezzate con parcheggi, bike sharing e car sharing; nonché accessibili alle persone con mobilità ridotta e controllate con la videosorveglianza. Tra gli interventi sono previsti un nuovo collegamento tra le due stazioni principali di Milano (Porta Garibaldi e Centrale), il completamento del raddoppio Milano- Mortara, il quadruplicamento della tratta Rogoredo-Pavia con la nuova stazione di Pieve Emanuele e la trasformazione in fermata delle stazioni di Locate Triulzi, Villamaggiore e Pavia. E ancora il potenziamento della Milano- Seveso-Asso e della Saronno- Seregno, la riattivazione della linea Garbagnate-Arese-Lainate, la riorganizzazione del nodo di Bovisa. Per quanto riguarda strade e autostrade, tra le azioni inserite nel programma ci sono il potenziamento delle reti esistenti (la quarta corsia dinamica per la tratta urbana milanese sulla A4, la quinta corsia Lainate- Milano sulla A8, la quarta corsia Milano- Lodi sulla A1, l'ammodernamento della Novara Est- Milano); il completamento della Tangenziale nord Milano; la terza corsia Milano-Meda; gli interventi di riqualificazione della Paullese, il potenziamento della Rivoltana, gli interventi di collegamento Milano- Magenta, il completamento della Tem. Eliminata invece la Toem (la Tangenziale Ovest Esterna). A proposito di aeroporti, si parla di un unico sistema lombardo Malpensa-Linate-Orio al Serio-Montichiari, con target diversi. «In linea - dice il relatore Fabio Altitonante - con la mozione presentata nel 2014 e approvata in Consiglio».

AlGia