Il piano del Pdl per alleggerire la tassa sui rifiuti

Il Pdl cerca di arginare il salasso che sta per abbattersi sulle tasche dei milanesi: l'aumento di 24 milioni di euro della Tares, la tassa sui rifiuti. E sfodera un piano per attutire il colpo. Oggi le proposte verranno presentate in aula. In sostanza, come spiega il consigliere pidiellino Fabrizio De Pasquale, si chiede di introdurre una Tares speciale per le banche, da calcolare in base al numero dei dipendenti, e di scontare la tariffa per le famiglie più numerose. «Inoltre - aggiunge De Pasquale - chiediamo che una parte dei proventi della tassa di soggiorno sia dato ad Amsa perché aumenti il servizio e renda più pulita la città». Per dimezzare l'aumento della Tares ed abbassarlo a 12 milioni di euro, il Pdl chiede anche di non calcolare nella tassa la raccolta dell'umido. «Almeno fino a quando Milano non avrà un proprio impianto e non dovrà mandare i rifiuti a Mondello perché siano trattati da un impianto privato»