Polo civico e centrodestraIl caso

Tira aria di svolta a Pioltello, uno dei centri più importanti al voto il 25 maggio. Pochi chilometri da Milano, 37mila residenti, Pioltello è contesa da sette candidati e attraversata da un gran fermento civico. Il Comune è precipitato verso il voto dopo una fase di commissariamento seguita all'arresto del sindaco Antonello Concas. Dopo la sospensione a gennaio Concas si è dimesso, spinto dal suo stesso partito, il Pd. Con questa brutta storia è finito un ventennio di amministrazioni di sinistra. Politicamente il Pd è un cumulo di macerie e la sinistra è spaccata in tre tronconi. Dall'altra parte in pole position c'è Cristina Carrer, con Forza Italia, Lega e tre gruppi civici. La candidata del centrodestra appare in vantaggio, anche se resta prudente: «Io favorita? Sento entusiasmo - di dice - ma mi sembra presuntuoso dichiararmi favorita, non vorrei anticipare il voto dei cittadini». Autentico basso profilo per la giovane avvocatessa civilista, che rispetta gli avversari, non fa polemiche e ha messo d'accordo un po' tutti: «Vivo qui da 40 anni - racconta di sé - e ho aperto il mio studio nella bottega in cui per 50 anni la mia famiglia ha gestito la sua macelleria».
Carrer è indipendente, pur essendo stata indicata fin dall'inizio da Forza Italia. E non è un caso: gli azzurri hanno puntato molto a Milano sulle alleanze civiche. «Questo sarà il nostro valore aggiunto e mi dà più libertà» conferma lei, che comunque - senza nascondersi - si dichiara elettrice del centrodestra. Il Comune insomma sembra avviato a una svolta: «Io ci credo molto e ho molto lavorato per questo» conferma Cristina. E il cambiamento che è nell'aria per lei non è neanche legato alla traumatica fine della vecchia amministrazione. «Non ero un'elettrice di Concas - premette - ma come cittadina ho preso molto male quel fatto. Credo che il sindaco abbia tradito la fiducia dei cittadini». Detto questo, quella vicenda - per lei che parla solo di programmi: sicurezza, commercio e altri problemi cittadini - non è stata che un'accelerazione di processi già avviati. «Il vero punto è chiudere con la cattiva amministrazione». Il cambiamento era già in moto e uno dei risultati già prodotti è questo polo civico di centrodestra che la appoggia e comprende una formazione civica guidata dall'ex sindaco Roberto Biolchini, oggi consigliere provinciale di Scelta civica. Intanto Carrer ha già ricevuto il sostegno dei vertici di Forza Italia, con Giovanni Toti, Mariastella Gelmini e Mariella Bocciardo, e della Lega con Matteo Salvini. Un mix promettente.