Un «ponte» tra cultura oasi, prati e un ninfeo

Grandi mostre a Palazzo Reale, al Museo del Novecento e al Pac E poi anche gli animali con il Wwf

Elena Gaiardoni

Primo ponte di primavera, quello del 25 aprile apre le porte dei musei, ma soprattutto rende più vivi alcuni luoghi naturali con molte attrattive. Dalle 9.30 alle 19.30 (ultimo ingresso alle ore 18.30) si possono visitare tutte le mostre. A Palazzo Reale continua «Il Simbolismo. Arte in Europa dalla Belle Epoque alla Grande Guerra», che per la prima volta affianca opere del simbolismo italiano e quello europeo. A palazzo della Ragione prosegue «In equilibrio», la mostra sul fotografo Herb Ritts. I suoi ritratti di celebri star e il viaggio nella tribù dei Masai sono reportage che attirano visitatori e turisti in città, che potranno trovare aperto un terzo luogo culturale, il Pac. Dalle ore 14.30 alle ore 19.30 visitabile il museo del Novecento, dalle 10.30 alla 20.30 la Triennale.

Proposte per adulti e ragazzi al museo della Scienza e della tecnica. «Light your tech» è un laboratorio che insegna a costruire sorgenti di luce per realizzare disegni in una camera oscura. I più piccoli possono rivivere la vita a bordo della nave Trinidad di Magellano nell'animazione teatrale «I segreti del capitano» o partecipare a una visita loro dedicata «Con il naso all'insù» nell'area Spazio. Nel laboratorio «Bolle di sapone» potranno giocare con le mitiche bolle quasi invisibili che hanno infiniti colori e scoppiano in un attimo. Nell'area dei piccoli li attende la costruzione di meccanismi musicali per far danzare robot.

«Il mio Pianeta dallo spazio - Fragilità e bellezza» è il progetto espositivo curato da Viviana Panaccia e organizzato dall'Agenzia Spaziale Europea (Esa) in collaborazione con l'Agenzia Spaziale Italiana (Asi) e la Commissione europea. L'esposizione si arricchisce di due nuove sezioni dedicate all'atmosfera e ai deserti e amplia l'area inerente ai ghiacci e all'acqua, in aggiunta a quelle dedicate a foreste, agricoltura e città.

Per chi vuole uscire dal centro e andare in mezzo alla natura a Lainate a villa Borromeo Visconti Litta c'è il tradizionale appuntamento con esposizione e vendita di piante e fiori, oggetti artistici e cibi naturali, spettacoli, mostre, workshop, laboratori per bambini e sport all'aria aperta, oltre alla tradizionale visita allo splendido Ninfeo. Al bosco WWF di Lanzago si possono liberare alcuni esemplari di animali che sono stati raccolti sofferenti durante l'inverno e hanno recuperato la salute per ritornare a vivere nel loro ambiente. A Morimondo si svolge la Festa del latte, in occasione di San Giorgio, patrono dei lattai. È possibile assistere alla creazione del formaggio.

In serata un appuntamento di pregio per gli amanti del cinema. Alle 20.15 verrà proiettata «Lucia di Lammermoor», distribuita da QMI/Stardust. La languida e oscura vicenda, immortalata da Gaetano Donizetti, dell'eroina resa folle e sanguinaria da un amore infelice, verrà proiettata in diretta dalla prestigiosa Royal Opera House di Londra nella nuova versione della regista inglese Katie Mitchell, con la celebre soprano Diana Damrau, che ha cantato con successo in questo ruolo a Monaco e Berlino, e il tenore americano Charles Catronovo. L'evento sarà ospitato dalla multisala Plinius, The Space Cinema Odeon, Uci Cinemas Bicocca 18, UCI Cinemas Milanofiori di Assago, The Space Cinema Cerro Maggiore, cinema Cristallo di Cesano Boscone, multisala Le Giraffe di Paderno Dugnano, The Space Cinema Rozzano.