Posteggiare è un lusso Ecco tutti gli aumenti

Un euro in più per parcheggiare in centro (dalla terza ora in poi). Stangata sui domiciliati che dovranno pagare 250 euro all'anno. «Tassa» di 50 euro per gli smemorati che perdono e devono richiedere il pass sostituivo. Dopo 17 ore di Consiglio il Comune ha approvato (alle 6 del mattino) il nuovo sistema tariffario per la sosta su strada e nei parcheggi di interscambio. Obiettivo (dichiarato) «lotta all'evasione, riordino e semplificazione delle regole, agevolazioni nelle periferie per chi non può utilizzare il mezzo pubblico per raggiungere la città o per esigenze lavorative particolari e il disincentivo della sosta lunga su strada nel centro». Risultato? Ritocchi diffusi. Per andare a recuperare tra 1 e 2 milioni di euro, ha detto Riccardo De Corato convinto però che «facendo dei calcoli ad occhio, visto che non ci hanno fatto vedere i prospetti e le simulazioni parliamo di più del doppio. Solo i domiciliati dovranno pagare, per le strisce gialle, 250 euro all'anno a fronte dell'attuale gratuito. Contando che sono circa 20mila si potrebbe arrivare a guadagnare 5 milioni». Parcheggiare nella cerchia dei Bastioni, in centro, costerà 2 euro solo nelle prime due ore. Dalla terza ora in poi si pagheranno 3 euro. A San Siro il biglietto per parcheggiare in caso di manifestazioni passerà da 5,40 a 7 euro. Chi ha il domicilio in città dovrà pagare 250 euro all'anno per parcheggiare. Fino ad oggi era gratuito. Chi perde il pass per averne uno nuovo dovrà sborsare 50 euro. Non solo. Anche bus e caravan si vedono ritoccare la tariffa rispettivamente da 5,20 a 6 euro e da 13 a 17 euro. Sono stati inseriti sempre per quanto riguarda la sosta sulla strada abbonamenti agevolati. Per incentivare a lasciare l'auto nella cerchia «extra filoviaria» ovvero oltre la 90-91 i milanesi potranno pagare 40 euro al mese (400 all'anno). Scendono a 25 euro al mese (250 all'anno) per operatori locali (turnisti, edicolanti, operatori sanitari, forze dell'ordine, giornalisti, commercianti) che invece se vogliono parcheggiare tra la cerchia dei Bastioni e la linea filoviaria potranno pagare 60 euro al mese (600 all'anno). Il nuovo piano della sosta prevede anche una tessera a scalare agevolata per manutentori, ascensoristi, rappresentanti di commercio con sconto del 70 per cento. Abbonamenti a 60 euro al mese (600 all'anno) nella cerchia dei bastioni solo per operatori sanitari e forze dell'ordine. Novità anche nei parcheggi di interscambio dove restano invariati i 50 centesimi per parcheggiare un'ora ma vengono rivisti e corrette le tariffe nelle varie fasce orarie. Costava un euro parcheggiare fino a 4 ore, costerà 1,50 (fino a 5 ore). I settimanali costavano 6,20 euro, ora vengono differenziati passando a 8,50 oppure 11,50: nel primo caso i pendolari avranno il posto riservato fino alle 10, nel secondo caso dalle 6 alle 21.
«Tutte misure - dicono in Comune - introdotte per disincentivare la sosta prolungata nel centro, per liberare così spazio da dedicare alle utenze più deboli della strada, fino alla lotta all'evasione». In questo senso vengono applicate penali per il mancato pagamento della sosta. Potrà essere applicata una penale non superiore a 10 euro per singola infrazione rilevata e reinvestire le risorse in azioni rivolte alla lotta all'evasione dal pagamento. Ridotti del 40% i pass per accedere alle corsie riservate, passati da 5.248 a 3.149. Ora da rivedere seguendo criteri più restrittivi anche i pass per la sosta gratuita.

Commenti
Ritratto di emarco54

emarco54

Gio, 25/07/2013 - 16:41

L'obiettivo e' chiaro che non e' il riordino delle soste, ma il criterio di fare cassa alle spalle dei "soliti" automobilisti. A questo si aggiungono i rincari delle contravvenzioni ( Lupi invece le voleva abbassare in caso di pagamento entro 5 gg). Signori Milanesi che avete votato questa Giunta: ve li meritate!! Questo e' il peggior governo di MILANO da sempre!