Il Campiello debutta in città: incontro con i finalisti fra letture e musica

Il road show per l'Italia del concorso di letteratura contemporanea ha fatto tappa per la prima volta a Milano con un evento all'Armani Silos presenti i cinque scrittori in corsa per l'edizione 2017

Ha fatto tappa a Milano, ed è la prima volta, il road show del Premio Campiello. Scelta importante fatta da Umana e Fondazione "Il Campiello" che arricchisce con questo nuovo appuntamento del tour letterario con gli autori finalisti da nord a sud dell’Italia prevede una serie di incontri per promuovere i racconti e le storie dei cinque scrittori finalisti, scelti dalla Giuria dei Letterati tra oltre 280 opere candidate al concorso di narrativa contemporanea.

Protagonisti dell'appuntamento milanese, organizzato nella cornice dell' Armani Silos di via Bergognone, sono stati Mauro Covacich, La città interiore (La Nave di Teseo); Donatella Di Pietrantonio, L’Arminuta (Einaudi); Stefano Massini, Qualcosa sui Lehman (Mondadori); Laura Pugno, La ragazza selvaggia (Marsilio); Alessandra Sarchi, La notte ha la mia voce (Einaudi).

A ideare e patrocinare l’evento, presentato da Mia Ceran, giornalista televisiva e conduttrice di Mai dire Nius su Rai2, è stata Umana - Agenzia per il lavoro che conta 130 filiali sul territorio nazionale e che ogni giorno impiega mediamente 22 mila persone – mainpartner del Campiello. Serata trascorsa fra incontri con gli autori e ascolto di brani tratti dai loro lavori con due attori del Piccolo Teatro di Milano, Leo De Colle e Mariangeles Torres che hanno proposto i readingdi estratti delle opere finaliste, in un’emozionante performance accompagnata dal sottofondo musicale curato dal maestro Luciano Zadro alla chitarra e dal maestro Paolo Favini al sassofono.

“Il Campiello – ha spiegato Andrea Tomat, presidente del comitato di gestione del Premio Campiello - è una delle migliori espressioni del legante tra cultura ed impresa, un ponte che si regge sui mattoni dei libri e sulla loro promozione in tutta la penisola. Confindustria Veneto continua quindi ad investire in questo premio, la cui parola chiave è trasparenza e imparzialità, valori che ci consentono di valorizzare i veri protagonisti del concorso, gli scrittori". Impegno delle imprese per la cultura sottolineato anche dalla presenza del presidente di Assolombarda Carlo Bonomi.

“È proprio l’incontro la caratteristica, e il successo, di questo prestigioso premio letterario – ha detto Maria Raffaella Caprioglio, presidente di Umana -. Una strategica e riuscitissima osmosi tra il mondo dell’impresa, quello della cultura e oggi, visto il luogo in cui ci troviamo, quello della bellezza e dell’eccellenza della manifattura italiana. Impresa e cultura sono il nostro patrimonio collettivo, fondamentali fattori di crescita economica e sociale. Sono pietre angolari su cui possiamo far crescere valori, innovazione, creatività. E qualità del capitale umano”.

Il tour letterario proseguirà mercoledì 28 giugno a Modena, alle 18.30 presso la Sala Leonelli della Camera di Commercio; giovedì 29 giugno sarà la volta dell’appuntamento siciliano di Catania, alle 21 presso il Castello Ursino. Gli autori saranno poi a Gubbio (PG), mercoledì 5 luglio alle 18 al Convento di San Francesco; a Fanzolo (TV), giovedì 20 luglio alle 20.45 presso Villa EmoCapodilista; venerdì 21 luglio ad Asiago (VI), alle 17.30 in Piazza Risorgimento; sabato 22 luglio a Jesolo (VE), alle 21 in Piazza Milano; ed infine domenica 23 luglio al Lido di Venezia, alle 18 presso il Grande Albergo Ausonia &Hungaria.
La cerimonia della premiazione del vincitore della 55^ edizione del Premio Campiello sarà a Venezia, al Teatro La Fenice, il 9 settembre prossimo.

www.premiocampiello.org
www.facebook.com/PremioCampiello
https://twitter.com/PremioCampiello