Presidio di Fi e Lega davanti alla scuola senza canti di Natale

Ieri un presidio di insegnanti e genitori davanti alla scuola Garofani con uno striscione di solidarietà al preside Marco Parma della scuola di Rozzano, oggi un presidio di Forza Italia, Lega Nord e Fratelli d'Italia, a cui saranno presenti il segretario della Lega Matteo Salvini, Mariastella Gelmini, coordinatrice di Forza Italia in Lombardia, e altri esponenti azzurri come Licia Ronzulli, Fabio Altitonante, Pietro Tatarella, oltre a consiglieri comunali e di Zona.«Tu scendi dalle stelle o Re del cielo». Non ha voluto le stelle e neppure la stalla il preside Marco Parma, le due classiche icone del Natale religioso, festività dedicata all'infanzia che come ai tempi di Cristo continua ad essere da una parte regina delle nostre attenzioni ma dall'altra povera per le nostre omissioni e convinzioni. In mezzo alle voci di sconcerto a causa di un concerto non dedicato a un Natale cristiano ma a una festa d'inverno, il preside dell'istituto Garofani afferma: «Mi sono opposto a due mamme che volevano insegnare canti religiosi ai bambini». Il canto è «Tu scendi dalle stelle», l'antico motivo che ci accompagnava in chiesa portando sull'altare Gesù Bambino, unico Dio ad essere nato piccolo e indifeso sulla terra. Il dirigente scolastico si rimette alla decisione dell'ufficio scolastico regionale affinché la reggenza dell'istituto venga designata a altri. L'assessore regionale all'Istruzione, Valentina Aprea, ritiene corretta la scelta delle dimissioni, «ma non basta - sottolinea - Serve ripristinare il classico coro natalizio, anche perché la scuola in questione è a indirizzo musicale. Si canterà Tu scendi dalle stelle e invito al concerto sia il presidente del Consiglio Matteo Renzi che il presidente della Regione Roberto Maroni». Matteo Salvini stamattina porterà un presepe all'istituto.Alla manifestazione di ieri hanno aderito una cinquantina di persone tra cui anche Maria Sbrescia, rappresentante dei genitori in consiglio d'istituto che ha sostenuto come non ci sia stata nessuna festa di Natale cancellata, «anzi ne è stata aggiunta un'altra, quella d'inverno il 21 di gennaio, organizzata dall'associazione Undici note, associazione portata avanti da specialisti con lo scopo di insegnare la musica. Siamo amareggiati per quanto è accaduto» ha concluso la mamma. Vero, le feste natalizie si fanno, ma mantengono il loro carattere religioso? Perché anche l'anno scorso il calendario era stato nutrito, ma i canti religiosi erano stati aboliti e l'anno scorso alcuni genitori hanno taciuto, quest'anno no. Questa è la sostanziale differenza. Eppure «Tu scendi dalle stelle» è un canto che si addice alle Garofani: «A te mancano pani e fuoco o mio Signore». Alla struttura nel milanese mancano, a detta dei genitori intervistati su Youtube, «i bagni. I bambini arrivano a casa con la vescica piena» dice un padre. Il tetto cade, proprio come in una capanna. E chi può aiutare i piccoli in questi tempi magri se non Gesù Bambino e le buone stelle?