Princi, il «re del pane» pronto a sbarcare anche nel Quadrilatero

Un forno tira l'altro e allora Rocco Princi, alias il re del pane a Milano, si appresta a inaugurare il suo quinto punto vendita a Milano. A neppure due mesi dalla riapertura del celebre negozio di piazza XXV aprile, l'unico attivo ventiquattr'ore al giorno, è già conto alla rovescia per il debutto di Princi in corso Venezia, il secondo in pieno centro dopo quello di via Speronari, zona Duomo alle spalle di via Torino. Data prevista 26 maggio. Stavolta il re del pane pianterà le tende in un'area ancora «vergine» ma di sicuro successo per le sue farine vip, quella del Quadrilatero della moda, all'angolo con la centralissima via Senato. Settanta metri quadri in tutto e tavolini all'esterno, per un format che ripete quello degli altri punti vendita, da Largo La Foppa a via Ponte Vetero. Ovvero, vendita di tutti i prodotti di punta del marchio: pani, pizze e pasticceria, oltre ovviamente alla celebre caffetteria.
Niente a che fare con la location di piazza XXV aprile che offre una vera e propria ristorazione, una pizzeria doc supervisionata da Franco Pepe e un attrezzatissimo cocktail-bar. Non ci sarà il blasonato forno a legna che ha fatto la fortuna del pane Princi e che è presente solo in due punti vendita (oltre a XXV aprile, via Speronari), anche se il prodotto sarà ovviamente disponibile per i clienti. Un nuovo tassello dunque all'impero di Princi che sbarcò a Milano negli anni Ottanta e che qualche mese fa, alla vigilia della riapertura di fronte a Eataly, aveva fatto una dichiarazione shock in tempi di crisi: disponibile da almeno un anno ad una cinquantina di assunzioni, aveva ricevuto soltanto... cinque curriculum. E che il panificatore fosse un altro dei famosi lavori che gli italiani (giovani o vecchi) non hanno più voglia di fare, non se lo aspettava francamente nessuno.