La priorità della sinistra? Impedire lo sgombero

La priorità della maggioranza comunale? Difendere un'occupazione abusiva. È firmato da consiglieri di Pd, Sel, Sinistra x Pisapia l'accorato appello al sindaco Giuliano Pisapia e alla giunta per «sospendere lo sgombero dello spazio di via Apollodoro attualmente in uso» tradotto, occupato «dal Collettivo Lambretta». Giorni fa Aler ha fatto sapere che a giorni scatterà un blitz. E i consiglieri comunali (da Anita Sonego a Anna Scavuzzo a Elisabetta Strada, Paola Bocci, Mirko Mazzali, Luca Gibillini, Patrizia Quartieri, Carlo Monguzzi) esprimono «tutta la propria preoccupazione», chiedono di evitare lo sgombero o «in seconda istanza, concordare una soluzione temporanea che consenta di affidare le palazzine in uso al Lambretta, che le ha rese agibili e aperte al quartiere, almeno fino all'effettivo avvio dei lavori di ristrutturazione». I consiglieri del centrosinistra «consapevoli del valore sociale di ogni iniziativa volta a contrastare la disgregazione sociale e le solitudini di giovani e anziani» credono «che questa amministrazione non possa mancare di impegnarsi per sostenere ogni esperienza di partecipazione e socialità di cui Milano ha tanto bisogno». Fallita la difesa di Macao (il collettivo che dopo la Torre Galfa ha comunque ripiegato sull'ex macello di viale Molise dove organizza eventi e feste tax free senza obiezioni del Comune), la sinistra vuole rifarsi col Lambretta.