IL PROCESSOCosa significa essere «venerabile»

L'8 luglio Papa Francesco ha firmato il decreto che proclama «venerabile» l'industriale Marcello Candia. Ma cosa significa? La Chiesa cattolica conferisce il titolo di «venerabile», post mortem, a persone che si sono distinte per «la santità di vita» o «l'eroicità delle virtù», e per le quali ha avviato il processo di beatificazione. Dopo una prima fase, in cui si riconosce il titolo di servo di Dio alla persona in esame, da parte del vescovo della diocesi a cui apparteneva l'esaminato, in una fase successiva del processo il titolo di «venerabile» è attribuito dal Papa. Il «venerabile», una volta tale, potrà procedere verso la beatificazione e la successiva santificazione dopo il riconoscimento e l'ufficializzazione da parte della Congregazione delle Cause dei Santi di almeno un miracolo, di qualsiasi genere, realizzato grazie alle azioni del candidato.