Sinistra in retromarcia Dopo le telecamere riciclano la ronda

L'assessore le chiama "unità mobili per il sociale". Imbarazzo dei compagni, applausi ironici a destra

E a metà pomeriggio l'assessore Pd Piefrancesco Majorino prova a giustificarsi: «Non copiamo nessun modello del centrodestra, le regole di ingaggio saranno diverse, non chiederemo a nessuno di fare i poliziotti di serie C». Ma vaglielo a spiegare al popolo di sinistra che per anni ha inveito contro le «ronde padane». Repubblica ieri mattina pubblica una novità in arrivo per i milanesi: «Ronde sociali sul metrò e sulla 90/91». In pratica, l'assessore al Welfare ha pensato di recuperare la convenzione che l'ex giunta Moratti stringeva con operatori del privato sociale o associazioni per aumentare i controlli sulle linee più a rischio la sera e segnalare nello stesso tempo clochard o persone in difficoltà. Allora erano le giubbe rosse dei City Angels e le pettorine blu dei poliziotti in pensione a dare ai pendolari della sera una sensazione di maggior sicurezza sui bus e ai mezzanini. La giunta di sinistra due anni dopo è pronta a lanciare un bando per reperire sponsor e operatori che forniscano turni di giorno e di notte sui mezzi, con il doppio obiettivo dei controlli sociali e di sicurezza. Non sorprende che tra i primi a raccogliere con entusiasmo l'idea (seppure non il copyright) di Majorino ci sia l'assessore leghista alla Sicurezza della Regione, Simona Bordonali: «Accolgo con piacere la sua proposta, ricalca esattamente quello che il presidente Maroni, quando ricopri la carica di Ministro dell'Interno, fece nel suo decreto sicurezza nel 2008 e che fu così tanto vituperato invece dal Pd». L'iniziativa di Majorino invece «offre lo spunto per procedere a livello legislativo in Regione e creare un perimetro normativo entro cui collocare il lavoro dei volontari per la sicurezza. Ed è opportuno estenderla all'intera Lombardia». Sulla stessa linea Stefano Bolognini, altro assessore leghista, in Provincia, alla Sicurezza: «É positivo che associazioni di cittadini siano chiamate in maniera attiva al controllo del territorio» anche se «emerge che se la stessa idea viene portata avanti dalla Lega è tacciata di razzismo, se parte dai salotti buoni è apprezzata dall'intellighentia di sinistra».E tra i più vituperati, anche dallo stesso Majorino quand'era capogruppo del centrosinistra durante la giunta Moratti, c'era Riccardo De Corato. Il capogruppo comunale di Fdi, che allora veniva definito vicesindaco-sceriffo, osserva «con soddisfazione che Majorino copia dalla A alla Z l'iniziativa della precedente giunta. Ero stato proprio io a istituire le ronde di volontari sulle linee più a rischio di bus e metro. Arriva con due anni di ritardo ma meglio tardi che mai». E non è la prima scopiazzatura del modello De Corato: negli ultimi mesi ha riscoperto la bontà della la videosorveglianza, persino delle multe «a strascico» fatte dai vigili restando a bordo dell'auto.

A sentirsi in imbarazzo è la sinistra che ha strillato per anni contro ronde padane e affini. Su facebook il consigliere di Sel Mirko Mazzali abbozza: «E a sorpresa sono saltate fuori le unità mobili sociali, vedremo, se sono rose fioriranno - scrive -. Non è una cosa facile, se non prendi le persone giuste rischia di assomigliare alle ronde, anche se l'intento è evidentemente diverso». Così evidentemente diverso a dire il vero non sembra, anche se dopo tutte le pacche sulle spalle del centrodestra Majorino ci tiene a precisare che «non si chiamano ronde ma Unità mobili per il sociale», composte «da volontari che si comporteranno come operatori sociali. Ah beh.

Commenti
Ritratto di Reinhard

Reinhard

Mar, 06/08/2013 - 08:38

Solita sinistra ipocrita. Invece di chiamarle "unità mobili per il sociale", le potevano chiamare "ronde piddine"!

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 06/08/2013 - 08:48

il livello di idiozia è talmente notevole che perfino i compagni comunisti (comunque lo si denomini) si sono sentiti in imbarazzo. è, letteralmente, una presa per i fondelli a se stessi! è una delle piu chiare manifestazioni di incapacità politica, di incompetenza politica, di strabismo politico, di miopia. vergognatevi di averli votati!!!

kayak65

Mar, 06/08/2013 - 09:27

se io dico frutta i rossi la chiamano prodotto dell'albero, se dico nero loro lo chiamano diversamente colorato...diversi modi di definire le stesse cose ma piu' chic ed intellettuali.burocrati da strapazzo! temo che questo provvedimento sia stato creato a seguito di un'aggressione avvenuta ai danni di qualche esponente di sx senza scorta e passata volutamente in silenzio,che si accorge solo ora della realta' quotidiana

Giorgio Rubiu

Mar, 06/08/2013 - 09:58

Ma guarda un po'. Chi l'avrebbe mai detto!

Ritratto di lettore57

lettore57

Mar, 06/08/2013 - 10:28

qualcuno ha presente quella parola di 5 lettere che inizia per M e che, essedo rappresentativa di tutti i partecipanti alla giunta, è plurale e quindi finisce per "e". Ecco loro sono del M....e mi spiace solo per Milano che non si meritava una cosa del genere

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Mar, 06/08/2013 - 10:50

Non avete capito lo spirito:Queste "unità mobili sociali",non sono lì per difendere i "normali" cittadini,dare loro un maggior senso di sicurezza,disincentivare la delinquenza,ma per portare il loro "messaggio sociale" dove il crimine,il furto,etc.,viene perpetrato,sul campo,per distribuire santini,per "accogliere",con una pacca sulla spalla:"su, fa il bravino,hai qualche problema di disadattamento?...Ti aiutiamo noi,siamo qui per questo...".Gli "altri" paghino il biglietto,e tollerino.

Triatec

Mar, 06/08/2013 - 10:55

Non bisogna accanirsi contro i sinistri, non hanno colpa, loro sono fatti così. Le cose le capiscono sempre solo qualche anno più tardi, quando qualcuno glielo avrà spiegato, magari con l'aiuto di un disegnino. Per differenziarsi e vendere come nuova l'iniziativa usano un sinonimo, rendendosi maggiormente ridicoli.

claudio faleri

Mar, 06/08/2013 - 11:04

i soliti ipocriti pezzenti che non chiamano le cose per quello che sono, le devono culturalizzare se arrivassero al seggiolone la polizia che ora è fascista la chiamerebbero: operatori benemeriti del sociale evangelicamente preparati al sacrificio

Paul Bearer

Mar, 06/08/2013 - 11:07

Vecchia storia. Si sa che i compagni le cose le capiscono minimo dopo ventanni se va bene. In alcuni casi tipo Napolitano-Ungheria ce ne vogliono anche di più. Che ci vuoi fare sono fatti così. Stupidi così.

gneo58

Mar, 06/08/2013 - 11:20

vero Triatec, propongo un ministero e relativo ministro per l'integrazione dei sinistri nella comunita'

eras

Mar, 06/08/2013 - 12:05

Siamo diventati come la sinistra: piagnucolosi e vittimisti !!! Si atteggeranno ma ormai sono perdenti sempre più.........

hectorre

Mar, 06/08/2013 - 14:33

patetici