Quattro giorni di grande golf Torna a Monza l'Open d'Italia

Sfida sulle 72 buche del Club Milano. Sul green anche l'americano Cink Maroni: «È un un evento che porta turismo». Immagini in diretta a Expo

Torna il grande Golf nel Parco di Monza. Per la settima volta e a distanza di 25 anni dalla precedente, il torneo golfistico nazionale si svolgerà dal 17 al 20 settembre 2015, sul green del Golf Club Milano - Parco di Monza. E proprio nel periodo di Expo. Sostenuto da Regione Lombardia il 72° Open d'Italia è stato presentato ieri alla Villa Reale di MOnza alla presenza di Franco Chimenti, presidente di Coni Servizi e della Federazione Italiana Golf, Roberto Maroni, presidente Regione Lombardia, Guido Damiani, presidente del Gruppo Damiani, Gianpaolo Marini, amministratore delegato di Rolex Italia, Fabrizio Sala, assessore all'Expo 2015 e Casa, Antonio Rossi, assessore allo Sport e Politiche per i Giovani e Armando Borghi, presidente del Golf Club. L'Open che verrà preceduto dalla Rolex Pro Am in programma il 16 settembre, vedrà al via 156 partecipanti sulla distanza delle 72 buche.

Una quattro giorni intensa. Che ruoterà ovviamente tutta intorno agli Open e al golf ma che sarà anche qualcos'altro. Molti infatti gli «Special Event» per gli appassionati, famiglie e bambini che potranno imparare il gioco del golf in appositi spazi dedicati e partecipare ai vari appuntamenti in programma al Villaggio Commerciale e al Villaggio Ospitalità. L'ingresso per gli spettatori sarà gratuito nei giorni di gara, Special Events compresi e nei giorni in cui si effettueranno la prova campo e la Rolex Pro-Am. Per raggiungere il Golf Club ci sarà anche a disposizione un bus - navetta che partirà da piazza San Babila.

L'Open d'Italia e l'Italian Pro Tour, che è un progetto della Federazione Italiana Golf per offrire opportunità di gioco ai giovani professionisti italiani e stranieri, sono legati a un progetto benefico della Fondazione «Monza e Brianza per il bambino e la sua mamma» . Anche quest'anno si rinnova la partnership tra L'Open d'Italia e l'Istituto per il Credito Sportivo. E così durante i quattro giorni di torneo nella tenda ICS si svolgeranno diversi eventi speciali per favorire lo sviluppo degli impianti destinati a questo sport. Il 18 settembre si terrà, ad esempio, la presentazione del progetto «Biogolf», nato dalla collaborazione dell'Istituto per il Credito Sportivo, che coordina il progetto, con la Federazione Italiana Golf, la Golf Environment Organisation, Legambiente, FederParchi e Fondazione Univerde per realizzare campi di golf molto più green e ambinetalmente sempre più sostenibiliolf italiano. Il 19 settembre a mezzogiorno invece la premiazione di «Impegnati nel verde» in cui verranno consegnatiai circoli candidati del 2015 i Riconoscimenti Ambientali dellaFederazione Italiana Golf nelle categorie acqua, biodiversità, energia e paesaggio. «La Regione pone particolare attenzione al Parco di Monza e a quanto gli ruota attorno manifestazioni sportive comprese- ha spiegato il governatore lombardo Roberto Maroni- Abbiamo dato il nostro sostegno all'Open, convinti della sua potenzialità e forza promozionale. Nel nostro padiglione a Expo Milano 2015, manderemo in onda le immagini TV delle dirette per aprire ulteriormente l'Open ad altre fasce di pubblico». Barbara Zonchello, direttore del Comitato Organizzatore, ha raccontato l'Open attraverso numeri che continuano a crescere e ha ufficializzato la presenza del campione statunitense Stewart Cink. «L'open d'Italia è' un evento al quale ci stiamo preparando da tempo- ha commentato l'assessore allo sport lombardo Antonio Rossi - Per noi è una manifestazione di gran peso perchè non si può pensare al golf senza legarlo al turismo. E in questa ottica, la Regione è particolarmente attenta...»