Quattro giovani mamme lanciano una galleria solo di opere low cost

È sbarcato anche a Milano il network francese di «Carré d'Artistes»

Marta Calcagno Baldini

Entrare in una galleria d'arte come si entra in un negozio di fiori: «in un giorno vendiamo anche 15-20 e più opere». A parlare è Cristina Caniato, che con Francesca, Laura e Monica, tutte mamme e provenienti dal settore commercio, hanno deciso di aprire prima a Milano, nel giugno 2014 e poi anche a Roma (agosto 2015) le due sedi in Italia di Carré D'Artistes, il primo esperimento di galleria d'arte che effettua un servizio di vendita di opere di artisti contemporanei a prezzo basso. Siamo in via Cuneo 5 e oggi, dalle 11 alle 20, sarà ospite della Carrè D'Artistes milanese il pittore Patrick Rousseau direttamente da Parigi. «Perché questa galleria vuole sradicare il concetto di esclusività dell'opera d'arte continua Cristina - Per dirla con Andy Wahrol l'arte non deve essere riservata a pochi privilegiati, ma a tutti». Spiegare le opere agli avventori, stare vicini ai clienti nell'acquisto, appassionare le persone all'arte, anche i bambini sono gli scopi per cui nel 2001 Patrice Martineau aprì ad Aix-en-Provence, la prima Carré d'Artistes: dopo anni di esperienza nel commercio di prodotti al dettaglio si rese conto che l'unico settore in cui non esisteva un sufficiente rapporto diretto tra l'acquirente e il venditore era l'arte. Decise così di raccogliere un numero di artisti giovani e proporre loro un concetto di arte democratica: vendere opere uniche, certificate di autenticità, a un prezzo accessibile. La caratteristica comune è il formato quadrato. I formati classici sono 13x13, 19x19, 25x25 e 36x36 centimetri, venduti rispettivamente a 85, 140, 220 e 380 euro, più le varie forme e colori di cornice che possono essere scelti e abbinati alla tela direttamente in galleria. Oggi il network rappresenta circa 600 artisti contemporanei, selezionati da una commissione francese, che espongono in più di 30 città nel mondo. Ogni due mesi i lavori di un artista lasciano la Galleria in cui si trovano per essere esposti in un'altra Carré d'Artistes arricchendo e variando così l'offerta. (Info: Carré D'Artistes, via Cuneo, 5).