Quelle Acli che ormai sono una riserva di caccia del Pd

Alberto GiannoniFedeli alla Chiesa, al mondo del lavoro, alla democrazia. E qualche malizioso aggiunge «e anche ai democratici». Le Acli si milanesi si riuniscono a congresso oggi e domani, con più di 450 delegati (in rappresentanza degli oltre 40mila iscritti) che al Centro San Fedele parleranno del futuro dell'associazione e ne eleggeranno i vertici. Alle 10 la relazione del presidente Paolo Petracca. All'apertura dell'assise ci sarà anche il sindaco Giuliano Pisapia. E parteciperanno sei parlamentari - Francesco Prina, Patrizia Toia, Lia Quartapelle,Vinicio Peluffo, Simona Malpezzi - tutti del Pd. Questa democratica «invasione» ha destato qualche sorpresa. Ma i sei eletti al Parlamento sono tutti iscritti alle Acli e come tali titolati a partecipare. A suscitare particolare attenzione sul programma dell'evento, ha contribuito anche l'annunciata presenza di Beppe Sala, «il candidato sindaco». In seguito si è capito che l'invito era stato normalmente indirizzato a tutti i candidati. Quindi dovrebbero esserci, pur non annunciati, anche Stefano Parisi e Corrado Passera. Ma il piccolo «giallo» (che non c'era, o è stato presto risolto) ha incoraggiato qualcuno a ipotizzare che, oltre alle «tre fedeltà» enunciate dal presidente Dino Penazzato il 1° maggio '55 in piazza san Pietro davanti al papa (e alla quarta, il futuro, aggiunta nel 2000) ne fosse stata introdotta un'altra. In realtà le forme sono rispettate e il «galateo» è salvo. La sostanza, e il «sei su sei», confermano che gli uomini di questo mondo oggi sono un grande «serbatoio» del centrosinistra politico, com'è legittimo per un movimento storicamente intrecciato col sindacalismo democratico, che ha dato al Pd tre degli ultimi quattro presidenti (mentre il quarto è viceministro nel governo di Matteo Renzi).

Commenti

FRANZJOSEFVONOS...

Dom, 13/03/2016 - 18:58

LE ALCI DAL PD? NON VEDO NESSUNA NOVITA' SONO ALMENO 25 ANNI CHE LA DC O EX DC, PER MEGLIO SPECIFICARE, CHE SONO I SERVI LE SPAZZOLE PER SCARPE DELLA SINISTRA. ORA SONO ANCHE I GIORNALI DEL VATICANO E MOLTISSIMI ARCIVESCOVI VESCOVI PARROCI E PRETI. PIU' DI QUESTO!!!!!! VOI PARLATE DI ACLI E PROPRIO LE ACLI SONO DIVENTATE SERVI DELLA SINISTRA NON DA 25 ANNI, MA DA QUANDO HANNO NOMINATO UN PSEUDO CATTOLICO C'ERA UN SOCIALISTA, MI PARE AL TEMPO DO CRAXI.