Il questore chiude il Tocqueville

Dopo 9 interventi in otto mesi e due buttafuori arrestati

Dopo nove interventi di polizia e carabinieri in otto mesi l'arresto di due buttafuori per aver pestato a sangue alcuni clienti «problematici», il questore ha disposto la chiusura per 15 giorni del Toqueville, uno dei più noti locali della movida milanese. Il provvedimento, notificato il 10 giugno, è entrato in vigore ieri.

Una decisione motivata con un lungo elenco di interventi a partire dal 15 settembre 2012 quando la polizia dovette corre a bloccare un uomo armato davanti al locale. Un paio di settimane dopo ed ecco ancora le volanti davanti all'ingresso per una rissa tra clienti e buttafuori. Altri tafferugli il 18 e 21 ottobre, con un paio di egiziani all'ospedale, il 31 dicembre, con un'altra persona duramente percossa dai buttafuori, e il 13 gennaio. Nuove baruffe il 14 e il 20 aprile, con altri clienti malmenati e soccorsi dal 118 e ancora botte e sangue il primo e 26 maggio.

Troppi episodi e troppo violenti. In particolare dopo quelli del 31 dicembre e del 20 aprile, i carabinieri arrestavano due addetti alla sicurezza per l'eccesso di energia con cui erano intervenuti. Nella prima occasione infatti un cliente egiziano nella calca venne spinto contro i buttafuori e uno di loro, Oktavian, un ucraino di 41 anni, senza tanto starci a pensare su, reagì con un diretto sui denti. La vittima finì in ospedale con fratture al volto guaribili 40 giorni.

Lo stesso individuo insieme al collega Luca, 48 anni, intervenne per rincorrere due giovani di 18 e 20 anni che avevano appena rubato la borsetta a una cliente. Azione meritoria, se non fosse che, raggiunti i ladruncoli, i due si lasciarono andarono a un violento pestaggio, con calci e pugni in testa sui ragazzi stesi a terra senza possibilità di reagire o scappare. Anche loro finirono al pronto soccorso con fratture al volto, uno ebbe una prognosi di un paio di mesi. I carabinieri identificarono poi Okatavian e Luca, arrestati e messi ai domiciliari.

Fu la goccia che fece traboccare il vaso e il 10 giugno il questore ha disposto due settimane di chiusura «Considerato che il Toqueville...continua rappresentare un concreto e grave e pericolo per l'ordine pubblico e la sicurezza dei cittadini». Respinta la memoria del titolare, il provvedimento è diventa operativo ieri e rimarrà in vigore fino al 4 giugno.

Commenti

m.m.f

Ven, 21/06/2013 - 12:21

tra due settimane torna tutto come o peggio di prima