«Qui pochi servizi Aiutiamo la zona con l'uso dei social»

«Nasce per segnalare le carenze, come la mancanza di una stazione Bikemi, ma anche per rilanciare la zona offrendo servizi gratuiti e di qualità ai residenti» spiega Luca, animatore del San Gimignano District. Un esempio di social street all'ennesima potenza nel pieno del quartiere ebraico di Zona 6 che negli anni ha visto le sue vie popolarsi anche di giapponesi. Una comunità multietnica, ma di medio alto livello su cui Luca e altri hanno deciso di puntare due mesi fa: hanno aperto un sito con relativa pagina Facebook e l'idea si sta diffondendo. Sul portale internet si possono trovare consulenti legali, così come quelli per l'immagine che sono qualcosa di più di un parrucchiere e le strutture per il fitness. Un inizio, ma già ricco di proposte. Così si possono evidenziare i problemi, come la mancanza del bike sharing, ma anche cercare le soluzioni per superarli. MBon-DU