Regione investe su scuola e formazione

Stanziamento da 273 milioni. Aprea: «Atto più importante della legislatura»

La Regione Lombardia investe 273 milioni su scuola e formazione: per l'anno scolastico 2017/2018, la delibera approvata dalla giunta del Pirellone conferma la centralità del sistema duale in alternanza scuola-lavoro, l'apprendistato formativo ed il forte sostegno alla «filiera professionalizzante». L'assessore regionale a Istruzione, formazione e lavoro Valentina l'ha presentata come «la delibera più importante della legislatura» nella conferenza stampa del «dopo» giunta insieme al presidente Roberto Maroni e all'assessore a Infrastrutture e mobilità Alessandro Sorte. «Il provvedimento - ha spiegato Aprea - prevede anche lo stanziamento di 36,8 milioni per la dote scuola, di cui un milione e duecentomila euro sono destinati a finanziare Dote Merito, il sistema che premia gli studenti eccellenti con esperienze internazionali che sta diventando un altro valore aggiunto per i giovani della Lombardia che, superato l'esame di Stato con il massimo dei voti, possono godere di apprendimenti esperienzali».

Parte intanto a anche la «Dote trasporti». Su proposta dell'assessore Sorte, la Giunta ha approvato un contributo ai pendolari dell'alta velocità della linea Milano-Brescia che fanno un uso integrato dei mezzi di trasporto pubblico. «Offriremo un contributo - ha spiegato Sorte - che varia da 10 a 90 euro al mese a seconda dell'abbonamento. La Dote sarà riconosciuta a tutti i residenti in Lombardia, indipendentemente dal reddito, che acquistano abbonamenti per i treni alta velocità per tratte interne tra Milano, Brescia, Desenzano e Peschiera del Garda (rientra nell'area della tariffa regionale). Possono richiederla i titolari di abbonamenti alta velocità integrati validi per viaggiare sia sui treni Av sia sui treni regionali e suburbani ed eventuali altri mezzi di trasporto pubblico».