Rifiuti, roulotte, panni stesi "camping" rom a Lambrate

I nomadi stazionano in via Cima e Casasco

Decine di roulotte posteggiate in zona Ortica/Lambrate. Si spostano da giorni tra via Cima e via Casasco, lasciando (a intermittenza) cumuli di rifiuti. Lo denuncia la consigliera comunale di Forza Italia Silvia Sardone, con tanto di documentazione fotografica in cui le vie sembrano trasformate in un vero e proprio campo rom, con biancheria stesa in mezzo alla strada. «I rom - contesta la Sardone -, fregandosene delle leggi, usano i prati come latrine a cielo aperto, gli alberi come stenditoi di panni. E buttano rifiuti ovunque, costringendo gli operatori dell'Amsa a intervenire in maniera straordinaria più volte. Il quartiere è esasperato, i furti e gli scippi sono una costante e il degrado è indecente». Una situazione che non è nuova per il quartiere. «Si ripete da anni - conferma l'esponente azzurra -, e pur conoscendo benissimo il fenomeno, la sinistra buonista non ha fatto nulla per impedirlo. Inoltre sono tanti i bambini che chiaramente non vanno a scuola e vivono in condizioni igieniche precarie. Ho presentato un'interrogazione per chiedere al Comune tempi e modalità per riportare sicurezza e tranquillità in queste strade e per chiedere conto dell'immobilismo, nonostante le centinaia di segnalazioni dei residenti».

Sul campo abusivo a Lambrate interviene anche il capogruppo regionale di Fdi Riccardo De Corato. Lì, rimarca, «i nomadi prendono possesso indisturbati di intere vie. E di qualche giorno fa sono anche i controlli dei carabinieri al campo di Baranzate, dove sono stati identificati 67 pregiudicati su 83 abitanti. Così non si può andare avanti, il Comune non si può limitare a segnalazioni e blitz, ma deve avviare immediatamente un censimento». Per essere veramente incisivi, incalza De Corato, «bisogna sapere quanti, dove e chi sono gli abitanti dei campi nomadi. Solo così si potrà procedere per prima cosa a cacciare i pregiudicati e gli irregolari e poi a tenere sotto controllo quello che succede in questi spazi. Non è più solo un problema di sporcizia e igiene, ma anche e soprattutto di legalità. L'amministrazione di centrodestra procedette al censimento dei 12 campi autorizzati nel 2008, contando in soli due mesi 1.180 persone, circa un terzo di oggi».

Commenti

cameo44

Mar, 31/01/2017 - 10:35

I benpensanti ci devono spiegare perchè dobbiamo ospitare tutti questi rom dato che vivono nel degrado lo possono fare nei loro paesi di origine chiedono case e lavoro a quale titolo dato che di case e lavoro non ne abbiamo per noi perchè dobbiamo dare a loro acqua luce e tanto altro gratis mentre i nostri pensionati al minimo devono pagare tutto e dulcis in fundo è dimostrato che vivono facendo rapine furti e tanto altro di illecito senza mai pagare dato che danno false generalità la libera circolazio ne deve essere consentita a chi è in grado di mantenersi e os servare le leggi del paese che li ospita

Giulio42

Mar, 31/01/2017 - 11:00

Così si comportano ovunque, quindi non è un problema di una via ma tutta l'Italia ma non bisogna dirlo altrimenti si offendono e noi siamo populisti.

Ritratto di nando49

nando49

Mar, 31/01/2017 - 15:07

Adesso abbiamo anche un motivo di essere "gelosi" degli USA. Loro hanno Trump che queste cose le avrebbe risolte in breve tempo. Noi ce le dobbiamo tenere...per sempre.

Ritratto di giangol

giangol

Mar, 31/01/2017 - 17:25

questa è l'italia della sboldrina e del chirichetto argentino. auguri

Ritratto di manganellomonello

manganellomonello

Mar, 31/01/2017 - 18:17

Dateci Trump.

baronemanfredri...

Mer, 01/02/2017 - 19:06

ORMAI MILANO E' CITTA' DI ZINGARI E CLANDESTINI. FINALMENTE PER LA SINISTRA SI E' AVVERATA CIO' CHE UN IDIOTA DI SINISTRA ABBAIAVA IN PASSATO. CERTAMENTE IL SINDACO NON FARA' MAI STANZIARE I SUOI AMICI ZINGARI NEL CENTRO DI MILANO. LI POTETE PORTARE VICINO ALLA SCALA, TANTO CARA ALLA SINISTRA CHE SI RECANO CON I ROLEX O MONTBLANC. VERO?