Rissa al bar, picchiati anche i ghisa

Nel bar sono entrati già piuttosto su di giri, di prima mattina, e hanno infastidito titolare e clienti. Poi, non contenti, hanno teso una sorta di agguato a uno degli avventori, salvato solo dall’intervento dei vigili urbani, a loro volta picchiati e finiti in ospedale, e della polizia ha messo fine alla scorribanda. Con gli agenti che hanno portato i due nordafricani in cella a smaltire la sbornia.
Ieri mattina verso le 10.30 due giovani maghrebini, le loro identità sono ancora incerte, sono entrati al bar Raffa all’angolo tra via Palmi e via Forze Armate. Erano ubriachi e hanno iniziato immediatamente a infastidire i clienti. In qualche modo il titolare è riuscito a spingerli fuori, ma i due si sono armati di un coltello e una catena per punire, sembra, uno dei clienti, che in qualche modo avrebbe cercato di contrastare la loro aggressività.
In quel momento passava una pattuglia dei vigili urbani che coraggiosamente si sono fermati per tentare di bloccare i due energumeni. Rimediando la loro dose di botte. Alla fine è arrivato anche un equipaggio della polizia e tutti gli agenti insieme sono riusciti a bloccare e ammanettare i due scatenati stranieri. Che hanno fatto in tempo ad aggredire anche i poliziotti e a danneggiare la volante.
I maghrebini sono finiti a San Vittore, erano privi di documenti, dunque quasi sicuramente clandestini, e sono state avviate la consuete procedure per l’identificazione. Nel frattempo i due ghisa sono stati portati al Sacco, medicati e subito dimessi con prognosi di 7 e 10 giorni. L’assessore comunale alla Sicurezza Guido Manca che ha espresso solidarietà agli agenti, auspicando un potenziamento della dotazione per consentire di difendersi meglio da simili aggressioni.