Ronde, film e telefono per combattere il degrado

«Saremo “armati“ solo di telefonini per fare le foto e filmare quanto ci sembrerà e anomalo. La nostra azione di controllo del vicinato ha un solo scopo: quello di ausilio alle forze dell'ordine. Non ci sostituiremo a polizia e carabinieri. E non toccheremo nemmeno con un dito gli stranieri: li chiamiamo fratelli». Inizieranno stasera alle 20 e dureranno fino a domani alle 6, 7 giorni su 7, le ronde organizzate dall'associazione di commercianti apolitica Asscomm, presieduta da Luca Longo, contro il degrado portato dai profughi eritrei ed etiopi in Porta Venezia, tra le zone 3 e 4. «Il Comune ha sbagliato» dicono i volontyari delle ronde.