«Sì al sistema aeroportuale del Nord»

Il livello di fiducia delle aziende cresce del 16,4% rispetto all’anno scorso

Sì al sistema aeroportuale padano. «Per la salvaguardia e la crescita di Malpensa - sostiene il capodelegazione lombardo della Lega Nord, Davide Boni, «è opportuno iniziare a ragionare concretamente su cosa succederebbe qualora Alitalia abbandonasse definitivamente l’hub per altri scali, come quello di Fiumicino. Dobbiamo evitare che il nostro scalo resti vittima di sconsiderate decisioni gestionali, ponendo condizioni chiare ai nuovi futuri investitori, in maniera da salvaguardare l’intero sistema e i numerosi posti di lavoro». Boni concorda dunque con Maroni «sull’opportunità di rilanciare il progetto circa la realizzazione di un sistema aeroportuale padano, in collaborazione con gli altri principali scali del Nord del Paese. Una sorta di holding del Nord in modo da regolamentare il nostro sistema aeroportuale con una buona dose di autonomia gestionale e decisionale, che permetta di unire esigenze economiche e territoriali». Essere federalisti anche in questo campo, sottolinea, «significa avere l’opportunità di mettere a frutto le proprie esperienze e le proprie capacità manageriali per essere primi nel mondo». Non si tratta «di fare del campanilismo ma di ammettere che lo scalo di Malpensa è ormai un punto di riferimento insostituibile, che detiene la fetta di mercato aereo più importante, crocevia di traffici nazionali ed internazionali».