Pisapia al Salone: «È la settimana più bella per Milano»

Il sindaco Pisapia all'inaugurazione della fiera di Cosmit. L'archistar Jean Nouvel mette in mostra «l'ufficio del futuro»

Parte il Salone del Mobile alla Fiera di Rho-Pero

«Da oggi inizia una settimana bellissima per Milano. È da occasioni come questa che deve partire il rilancio della nostra economia». Con queste parole ieri il sindaco Giuliano Pisapia ha inaugurato la 52ª edizione del Salone del Mobile. Ha preso il via così la kermesse più creativa della metropoli che contagia ogni angolo della città, portando nelle vie ben più di quei 300mila visitatori che timbreranno il biglietto alla fiera di Rho.

È la fiera delle grandi idee e dei grandi numeri. Oltre 2500 gli espositori distribuiti su più di 200mila metri quadrati che nonostante il mercato interno sia ancora in calo hanno confermato anche quest'anno di essere un punto di riferimento per il settore in tutto il mondo. E da tutto il mondo sono volati come anno i compratori, i curiosi, i turisti e anche gli espositori: per la pirma volta presente anche il design filippino. Arrivi previsti da 260 paesi per una fiera aperta fino al 14 aprile.

Migliaia i prodotti del settore casa-arredo, illuminazione e ufficio presentati in anteprima e novità anche in città grazie all'accordo tra Cosmit, società che organizza la fiera, e il Comune di Milano che consente ai visitatori di entrare gratuitamente in tutti i musei civici. Alle due manifestazioni annuali legate ai mobili in generale e ai complementi d'arredo, si affiancano quest'anno le biennali Euroluce, il Salone Internazionale dell'Illuminazione e SaloneUfficio. In quest'ultimo settore, in un'area espositiva di 1.200 metri quadrati all'interno del padiglione 24, l'architetto francese Jean Nouvel, vincitore del Pritzker Prize nel 2008, ha inaugurato il suo «Progetto: ufficio da abitare», un allestimento che si articola in cinque inedite situazioni di lavoro attraverso le quali vengono sviluppati i principali temi della sua visione dello spazio di lavoro.

«Si rilancia ancora una volta il design - ha aggiunto Pisapia, - È chiaro che a questo punto ci vogliono tutti gli sforzi, tutte le unità di intenti delle forze reali del paese per il necessario rilancio. E certamente il Salone del mobile con i suoi centinaia di migliaia di visitatori dimostra che l'Italia continua a essere la capitale in settori importanti che sono quelli del futuro. Sono i numero che parlano». Una settimana bellissima l'ha chiamata Pisapia «per Milano, che parla al mondo e nel contempo si mette al centro del mondo».

«Le attese sono molto buone - gli ha fatto eco il presidente di Cosmit, Claudio Luti - Ci attendiamo tantissime delegazioni ma di persone qualificate. Vogliamo incontrare qui i buyers, gli architetti, i clienti più importanti. Dobbiamo davvero usare questo Salone come il primo strumento per internazionalizzare il più possibile le nostre aziende». «Abbiamo un grandissimo riconoscimento della nostra leadership», ha concluso Luti. «Il Salone del Mobile è il più importante del mondo e l'affluenza degli stranieri è data dal fatto che se si vuole fare parte di questo sistema si deve per forza venire al Salone formato dalle imprese in 20 e 30 anni di energia e innovazione, riconosciuta da tutto il mondo».