Prima della Scala

Otto minuti di applausi ma anche dissensi e fischi dal loggione hanno accolto alla Scala la conclusione del Don Carlo di Verdi, diretto da Daniele Gatti. Il pubblico ha applaudito tutto il cast, nel suo complesso. Applausi, con alcune disapprovazioni, anche per il tenore americano Stuart Neill, che ha sostituito Giuseppe Filianoti, provocando la reazione polemica del cantante italiano. Il direttore d’orchestra si è detto «soddisfatto» per l’andamento della prima: «La vigilia è stata complicata - ha premesso Daniele Gatti - ma è stata una bella serata. Sono soddisfatto, tutto è andato bene. Ora non è il momento di fare polemiche». Contenta anche Letizia Moratti: «Un’opera intensa e molto struggente, drammatica, con una regia molto essenziale che ha valorizzato moltissimo la musica, lasciandoci coinvolgere nella musica e nel canto».