La Scala vola a Malpensa Questa volta per i bimbi

Dopo il successo di «Elisir d'amore», allo scalo l'opera che ha appassionato 40mila piccoli

Piera Anna Franini

L'opera è pronta per un secondo decollo. Anche questa volta si parte dall'aeroporto di Malpensa. Appuntamento per domani, ore 14.30, al check-in 17: palcoscenico de Il flauto magico per i bambini, la produzione che alla Scala - dove è andata in scena dallo scorso ottobre - ha attirato 40mila bambini. Per i fanciulli, l'ingresso a teatro aveva un costo simbolico, un euro. A Malpensa assistere non costa nulla. La Scala a misura di bambino e la Scala in aeroporto sono progetti che fanno capo al sovrintendente Alexander Pereira impegnato a esportare la Scala fuori sede e allo stesso tempo a incuriosire e formare il pubblico - si spera - di domani. Un'operazione sensata considerata la crisi di riempimento che i teatri stanno affrontando, dal Metropolitan in giù, per citare un ente dai grandi numeri. L'operazione Flauto magico a Malpensa è stata preceduta da L'elisir d'amore, lo scorso settembre, e anche per quell'occasione intervenne SEA. «Ospitare nuovamente il Teatro alla Scala a Malpensa è un'occasione che non potevamo perdere, la messa in scena dell'Elisir d'amore ha rappresentato il momento più originale e sorprendente nella vita dell'aeroporto dello scorso anno» ha dichiarato Pietro Modiano, Presidente di SEA. «Adesso - continua - vorremmo cogliere lo stesso stupore che abbiamo visto fra i nostri passeggeri per l'Elisir d'Amore anche fra i passeggeri più piccoli. E soprattutto ci auguriamo che Malpensa possa essere anche in futuro il palcoscenico per nuove iniziative della Scala». «Tornare a Malpensa con un progetto per i bambini ha spiegato Pereira - è per noi la conferma di un percorso di apertura a un pubblico nuovo ma anche del radicamento della Scala nel territorio lombardo: l'esperienza dell'Elisir d'amore dell'anno scorso non è un evento isolato ma si colloca nel progetto che da un lato ha portato decine di migliaia di bambini alla Scala e dall'altro ha portato la Scala fuori dalle sua mura». La produzione de Il flauto magico per bambini, firmata da Ulrich Peter nella riduzione di Alexander Krampe verrà diretta da Paolo Spadaro Munitto, alla testa dei cantanti ed Orchestra dell'Accademia della Scala. Si parte dalla Pamina di Fatma Said, la Regina della notte di Yasmin Özkan, Tamino sarà Giovanni Sebastiano Sala, Sarastro Martin Summer, Papageno Giovanni Romeo, Papagena Theresa Zisser, Monostato Francesco Castoro e le tre dame saranno Federica Lombardi, Aya Wakizono e Chiara Tirotta. Giovani che poi torneranno alla Scala domenica per il concerto di chiusura dei corsi, quindi a settembre ancora per Flauto magico ma in versione integrale.