ALLA SCALAConcerti «low cost» per 6 mesi di evento

Una ventina di titoli d'opera, senza contare balletti e concerti: la prossima stagione della Scala si annuncia «extra large», per qualità e quantità, anche se non per i prezzi. Sono in cantiere, infatti, anche delle serate low cost con il biglietto (venduto solo al botteghino) a
metà prezzo. Un modo per avvicinare al teatro anche chi non si può permettere le tariffe intere. Ieri Alexander Pereira - che sarà sovrintendente da settembre - ha presentato la stagione ai sindacati. Il cartellone è particolarmente impegnativo perché nei 6 mesi di Expo il teatro sarà aperto ogni sera per offrire spettacoli a visitatori. L'apertura della stagione sarà col «Fidelio» di Beethoven mentre la «Turandot» inaugurerà Expo.

Commenti

CarloDei

Mer, 26/03/2014 - 08:18

Con quello che costa a noi contribuenti l'ingresso alla Scala dovrebbe essere gratuito. Tutti a polemizzare sullo stipendio di Moretti delle Ferrovie ma nessuno si interessa di quello del sovrintendente della Scala che gode anche dell'uso di un appartamento in pieno centro pagato sempre da noi cittadini di Milano e non solo.