Scattano le manette ma Expo va avanti

Sette arresti eccellenti ieri legati agli appalti per Expo. A san Vittore è finito il manager Angelo Paris (nella foto in basso a sinistra) e due vecchi protagonisti della stagione di Tangentopoli come il «compagno G» Primo Greganti e Gianstefano Frigerio che insieme all'ex senatore di Forza Italia e oggi «alfaniano» Luigi Grillo avrebbero secondo i magistrati creato una «saldatura» tra imprese e cooperative per condizionare e assegnare appalti in cambio di tangenti. Secondo il procuratore aggiunto Ilda Boccassini (nella foto a destra insieme al procuratore della Repubblica di Milano Edmondo Bruti Liberati) negli ultimi due anni avrebbe operato in Lombardia una vera e propria «cupola» che prometteva «avanzamenti di carriera», grazie a «protezioni politiche», a manager e pubblici ufficiali disponibili a pilotare le gare a favore degli imprenditori che versavano mazzette.