Sci, via alla stagione Mille km di piste con un solo ticket

Openpass collega trenta comprensori L'assessore Rossi: «Primi in Europa»

Antonio Ruzzo

«La Lombardia è pronta: il freddo sta arrivando e la stagione sciistica sta per iniziare. A tutti gli sciatori va il mio augurio per una stagione di divertimento e sport sui quasi 1000 km di piste delle nostre montagne dove, con lo skipass unico regionale, è possibile assaporare la neve in tutte le stazioni sciistiche lombarde». L'asesssore allo sport lombrado Antonio Rossi oresenta la staguine sciistica lombarda che ufficialmente è cominciata proprio in questi giorni del ponte di Sant'Ambrogio". Trenta comprensori sciistici, serviti da 310 impianti, che collegano oltre 900 chilometri di piste sono un bigliertto da visita di tutto rispetto per una regione che ha una tradizione sccistica di priomissimo piano sia dal punto di vista turistico sia da quello agonistico- In termini di offerta la provincia di Sondrio risulta essere la più ricca, seguita da Brescia, Bergamo e Lecco. "Nel 2008, con Anef Ski Lombardia (Associazione nazionale degli Enti funiviari della Lombardia) abbiamo avviato un percorso di collaborazione finalizzato a ripensare il sistema Skipass per ammodernarlo e renderlo più fruibile- spiaga Rossi- E' il primo esempio in Europa di unificazione dei sistemi di emissione e di controllo degli accessi agli impianti di risalita, che coinvolge 41 soggetti gestori, la quasi totalità dei comprensori sciistici della nostra regione, investendo 4 milioni di euro». Lo scopo è unificare in un'unica Card l'accesso agli impianti di risalita migliorare i controlli, la sicurezza e la raccolta dati oltre che agevolare la pratica dello sci. «Nei mesi scorsi - continua Rossi - abbiamo anche presentato il Libro Bianco Open Pass, la cui stesura è iniziata a 8 anni dalla realizzazione del progetto Skipass Lombardia e il cui obiettivo è di consentire a chiunque lo legga di poter utilizzare il sistema OpenPass». Tra i vantaggi che propone c'è la possibilità di accedere agli impianti, avvicinandosi al lettore dello Skipass; l'utilizzo dello stesso in quasi tutti i comprensori sciistici della Lombardia; la riduzione generale dei costi e la possibilità di raccogliere i dati delle presenze e farli confluire in un unico server. "A questo - ha evidenziato Rossi - si aggiunge la possibilità di integrare altri servizi come l'ingresso a terme, musei, parcheggi e trasporti: una strategia mirata, che va nell'ottica della promozione e valorizzazione del territorio».