La scienza in campo. Cibo buono, sano e sicuro per tutti

 

Espansione organizza il 30 novembre a Milano Palazzo Isimbardi la seconda edizione della manifestazione.

 

Cibo buono, sano e sicuro per tutti, rispettando l’ambiente con scelte sostenibili e consapevoli. E’ l’obiettivo su cui si confrontano scienziati, istituzioni, esperti di agricoltura e industria nel convegno La Scienza in Campo, che si svolge il 30 novembre (ore 9.00 – 14:00) a Milano, Palazzo Isimbardi (Corso Monforte 35, 20122 Mi), una giornata di riflessione sulle sfide che attendono il pianeta per sfamare tutti i suoi abitanti. Ma cosa pensano gli Italiani della tecnologia applicata all’agricoltura moderna, e del cibo che consumiamo tutti i giorni? In teoria, tutti siamo d’accordo che agricoltura e ricerca scientifica sono concetti complementari. Ma appena ci chiedono di descrivere i nostri consumi alimentari - dove andiamo a fare la spesa, quali coltivazioni e allevamenti prediligiamo per i pasti consumati in famiglia e nelle scuole - emergono contraddizioni e pregiudizi, e la fattoria di cento anni fa sembra ancora popolare l’immaginario collettivo. Lo rivela l’indagine svolta per il secondo anno consecutivo da Espansione, in collaborazione con l’Istituto Interactive Market Research, che ha intervistato un campione rappresentativo del consumatore italiano di mille persone.

I risultati della ricerca saranno presentati in apertura del convegno, dopo i saluti del Presidente della Provincia di Milano Guido Podestà, da Marco Gatti, direttore di Espansione e Maurizio Pucci, Amministratore Delegato Interactive Market Research.

In contemporanea con il convegno, si svolgerà l’Hackathon Scienza in Campo, una gara di programmazione tra hacker ed esperti di informatica sui temi “Buono, sano e sicuro. Il social network di chi mangia sostenibile”, per sviluppare la prima App in grado di mettere in contatto consumatori, commercianti e produttori e di indicare valori nutrizionali, prodotti di stagione, consumi sani, sicuri e intelligenti. L’Hackathon è sponsorizzato da Elior, gruppo francese tra i primi in Europa nella ristorazione collettiva e leader in Italia. La giuria, composta da Marco Gatti, direttore di Espansione, Aldo Campi, Center of Industrial Research on ICT dell’Università di Bologna, Giovanni De Nicola, Assessore della Provincia di Milano e Lino Volpe, AD di Elior Italia, al termine del convegno proclamerà il vincitore. Per iscrizioni: http://hackathon.it

Al convegno interverranno Antonio Pascale, agronomo e scrittore, sul tema: “Cibo buono, sicuro e sano per 7 miliardi di persone”; Mario Manaresi, sustainable agricolture manager Basf , Giovanni Sorlini, responsabile qualità ambiente e sviluppo sostenibile Inalca, Emilio Genovesi del Comitato Scientifico per Expo2015 del Comune di Milano, su “L’alimentazione del futuro”; Antonio Vettese, Distretto agricolo milanese, e Paola De Majo, area ambiente e territorio Coldiretti, su: “Chilometro zero, quindi… niente banane e caffè?”; Giuliano Gaiba, responsabile cucine Elior Italia, su “Grande freddo o piatto espresso?” Eddo Rugini, Università della Tuscia, Paolo Petrini, vicepresidente Regione Marche e assessore all’Agricoltura, su “L’Italia, tra sperimentazione e tradizione”.

Ecco il programma completo con iscrizione gratuita:

http://www.newspapermilano.it/eventi/18/La_Scienza_in_Campo/index.html