Il «sciur» Zhou prende il posto del Brambilla

Milano diventa la signora in giallo, ma il suo volto non è il mistero e neppure l'oro della Madnnina, quanto la lenta supremazia dell'etnia cinese. Dai dati diffusi dall'anagrafe il cognome Rossi è sempre in prima posizione ma gli Hu, i Chen e gli Zhou stanno crescendo a vista d'occhio, insieme ai Wu, ai Lin e agli Wang.
Fino all'anno scorso i Rossi distanziavano gli Hu di seicento persone, oggi solo di duecento, essendo 4.325 contro i 4.121, quindi c'è ragione di credere che nel 2014 diventeranno i primi. «Città aperta, soprattutto per chi vuole lavorare» la definisce l'assessore D'Alfonso. Più piccante invece Riccardo De Corato che vede nell'avanzata della gente asiatica «una vera e propria colonizzzaione della nostra città».
Hu sarà la trasmutazione genetica del siùr Brambilla? Lo storico cognome è sceso al decimo posto nell'elenco, che registra anche due suoni arabi: Mohamed e Ahmed. In discesa anche i Fumagalli, i Monti e i Beretta. L'unico a crescere è Marino.