Scontro taxi-Uber: auto bianche ferme in tutta Milano

Toni accesi per la protesta contro il servizio di Ncc considerato concorrente

Dopo la violenta protesta di ieri durante la presentazione del nuovo servizio di car pooling "Uber Pop", i tassisti milanesi hanno incrociato le braccia e sospeso il servizio praticamente in tutta la città.

Stamani in stazione Centrale le auto bianche hanno caricato solo disabili, donne incinte e anziani e lo stesso sta avvenendo all’aeroporto di Linate. Tutti gli altri, in gran parte turisti col trolley al seguito, vengono indirizzati verso le fermate di bus, tram e metropolitane. "Siamo disperati, abbiamo quindi iniziato un blocco totale che proseguirà anche domani se non interverranno novità nella vicenda Uber", ha detto un delegato sindacale. "Cosa dobbiamo fare?", dice un altro tassista, "Se non facciamo qualcosa in poco tempo il nostro lavoro sarà completamente soppiantato. La protesta che abbiamo iniziato oggi, un po' dappertutto, a Milano, non avrà forse un grande impatto perchè è domenica e il volume di passeggeri è ridotto. Ma domani voglio proprio vedere cosa succederà".

"È una protesta spontanea, non è pianificata ma nata dal passa parola tra tassisti", ha spiegato poi il portavoce del Comitato tassisti milanesi, Cosimo Tartaglia, "A Milano ci sono 23 sigle sindacali, cercheremo nei prossimi giorni di mettere insieme tutta la categoria e fare un’assemblea il prima possibile da cui verrà fuori una linea unitaria su come proseguire la protesta. Di fatto si sta arrivando a una liberalizzazione del serviziomentre noi chiediamo il rispetto della legge 21/92. Uber è un servizio illegale che si colloca a metà strada tra i taxi e gli ncc e noi chiediamo invece che lavori come tutti gli altri".

Commenti

magnum357

Lun, 19/05/2014 - 00:08

Creino un servizio concorrenziale a uber, svegliatevi !

allleghe

Gio, 22/05/2014 - 11:39

Per me, il nostro paese necessita lavoro, meno burocrazia e solo nuovi servizi possono far aumentare i consumi e il PIL!