Scuole nel mirino dei ladri: oltre sessanta furti all'anno

Tra i più colpiti gli istituti del Corvetto e di Forlanini I consiglieri: "Più manutenzione, allarmi e polizia"

Sono oltre una sessantina i furti registrati negli edifici scolastici della zona 4 l'anno scorso. Colpiti senza pietà nidi, materne e istituti comprensivi di tutto il municipio. Nel mirino di ladri e vandali in particolare le scuole che gravitano in zona Forlanini/Corsica e al Corvetto. Più precisamente nella materna di via Oglio 23 si sono verificati 3 furti (rubati pc, macchine fotografiche e passeggini) e diversi episodi di vandalismo. Stesso copione un civico più in là, al nido di via Oglio 25: qui sono sparite apparecchiature fotografiche e sono stati danneggiati i distributori di bevande. Nel febbraio 2012 la dirigente e la segretaria erano state minacciate da un balordo che era riuscito a entrare nella scuola. Il consiglio di istituto ha chiesto un presidio di polizia locale.

Nel mirino anche la primaria di via Polesine 12 dove si sono registrate 4 intrusioni con furti, due porte sono state forzate e sono state danneggiati i distributori automatici. Non solo, la direzione ha segnalato più volte intrusioni nel cortile della scuola di notte, che hanno lasciato dietro di se una scia di rifiuti, bottiglie, preservativi.

«Probabilmente responsabili di questi episodi sono gli sbandati che hanno occupato un edificio in piazzale Ferrara e uno in piazzale Gabrio Rosa, a pochi passi da via Oglio. - spiega Francesco Rocca, presidente della commissione Sicurezza del municipio 4 -. A rendere così facili le intrusioni la mancanza di manutenzione degli edifici: le porte e le finestre danneggiate sono state riparate alla meglio, ma andrebbero sostituite. In sostanza la manutenzione ordinaria è diventata straordinaria. L'altro problema è la mancanza di sistemi di allarme, che avevamo già segnalato a settembre - continua Rocca-: le scuole di via Colletta, la primaria di via Morosini dove si sono registrate 8 intrusioni, e la media di via Bezzecca non sono protette in nessun modo, mentre ci sono altre scuole, invece, dove è stato istituito un servizio di vigilanza privata».

«Il bilancio è a dir poco preoccupante - spiega il presidente del Muncipio 4 Paolo Bassi (Lega): ci ha spinto a chiedere nuovamente, con forza, una serie di interventi sulla sicurezza. Maggiori controlli da parte delle forze dell'ordine, ma anche lavori strutturali su porte e finestre, telecamere e sistemi d'allarme». I dirigenti scolastici hanno redatto un report dettagliato di tutti gli episodi di intrusioni, furto con scasso, danneggiamenti e vandalismi, allegato alla delibera approvata giovedì sera dalla zona 4. «Avendo particolarmente a cuore la qualità della vita dei bambini del nostro territorio - spiega ancora Bassi - anche se avevamo già chiesto interventi in questa direzione, abbiamo voluto fare una verifica puntuale su tutti gli istituti. Una fotografia esaustiva, che mettiamo a disposizione del sindaco, degli assessori, del Questore e ai Carabinieri, e sulla quale chiediamo un riscontro concreto».