Sel scrive a Rizzo: «Non boicottare la delibera del Leoncavallo»

Non è un pesce d'aprile. La sinistra scrive una lettera aperta al presidente del Consiglio Basilio Rizzo per chiedergli di non giocare brutti scherzi in aula sulla delibera per regolarizzare il Leoncavallo. Rizzo, tanto per ricordare, è esponente della Sinistra x Pisapia, quindi della coalizione. Che la coordinatrice metropolitana di Sel Anita Pirovano denunci preventivamente il rischio che possa boicottare la permuta di immobili tra il Comune e il gruppo Cabassi, proprietario dell'area occupata, la dice lunga sui rapporti della sinistra. Una volta era il centrodestra ad accusare Rizzo di contingentare i tempi per tappare la bocca all'opposizione. Ora, il timore di Sel è proprio il contrario. «Hai ripetutamente reso pubblici - scrive la Pirovano a Rizzo - i tuoi motivi di dissenso rispetto alla delibera. Non li condividiamo enon li comprendiamo fino in fondo ma li rispettiamo. Ora però si avvicina la scadenza del 30 aprile, oltre la quale la delibera perderà effetto. Siamo certi che sarai intransigente nel contrastare l'ostruzionismo teso a non arrivare alla decisione». Sarebbe «uno schiaffo alla coalizione che si negasse la possibilità di partecipare a una discussione e decisione». É «irrituale - replica Rizzo - che un partito scriva al presidente in questi termini. Farò rispettare le regole come sempre, senza sgambetti nè corsie preferenziali».