È sfida tra i registi milanesi: 48 ore per girare un «corto»

Teatro e cinema, musica e sport all’ex ospedale psichiatrico Paolo Pini. Fino al 28 luglio, nel cuore della Comasina, la rassegna «Da vicino nessuno e normale», che da sedici anni propone ai cittadini del quartiere, e non solo, un calendario ricco di spettacoli e attività di intrattenimento per tutti. Adulti e bambini, famiglie, stranieri e anche chi, affetto da disagio mentale, partecipa insieme con gli altri a progetti di socialità e integrazione.
L'iniziativa è realizzata dall’associazione Olinda, con il patrocinio del Comune di Milano, con cui da quest’anno partiranno nuovi progetti. «Le attività d'impresa sociale al Paolo Pini producono lavoro, socialità, coesione sociale e tendono a integrare politiche sociali, culturali e urbanistiche - ha spiegato il presidente dell’associazione Thomas Emmenegger -. Stiamo lavorando con l’amministrazione comunale a progetti che riguardano le opportunità dell’abitare e del lavorare per persone con problemi di salute mentale; a progetti culturali, come le residenze artistiche in grado di accogliere compagnie e attori e più in generale alla creazione di servizi che migliorino la qualità di vita in periferia».
Il programma di «Da vicino nessuno è normale 2012» è ampio e variegato: spettacoli teatrali, concerti, proiezioni cinematografiche, incontri, dibattiti. Ha aperto con lo spettacolo «Muri - Prima e dopo Basaglia» che ha messo in scena i cambiamenti avvenuti nel mondo dei manicomi dopo l'introduzione della legge.
Tra i nomi di gruppi teatrali e attori in programma: Teatro delle Moire, lo spettacolo Incantati del Teatro delle Albe, ma anche le divagazioni surreali e poetiche di Fanny e Alexander, le coreografie di Virgilio Siena, Il Castello di Barberio Corsetti, Elettra Show delle Officine Katzenmacher di Alfonso Santagata. Da non perdere il 28 di giugno il progetto Roberta Torna a Casa, Cuocolo/Bosetti-Iraa Theatre, lo spettacolo che debutta tra pochi giorni al festival delle Colline Torinesi, occasione unica per vedere gli spettacoli dove la vita li ha concepiti: la casa come luogo performativo che accoglie un ritorno, quello di Roberta che dopo più di vent'anni di lavoro a Melbourne dove l'Iraa Theatre è diventata una tra le maggiori espressioni della ricerca teatrale, ritorna alla città natale, alla casa dell'infanzia: Vercelli, via Ariosto 85, dove si svolgerà lo spettacolo (prenotazioni navette in partenza da Milano).
Tra gli innumerevoli appuntamenti la proiezione del documentario di Wim Wenders «Pina» sulla vita della coreografa e ballerina Pina Bausch, la «Notte Bianca» del Consumo Critico con tanto di cena siciliana a base dei prodotti di Libera Terra e il concerto dei Nobraino.
Grande attenzione alla città e ai suoi filmaker con il progetto «Milano in 48 ore. Instant Movie Festival», la sfida a produrre un corto su Milano in sole 48 ore per raccontare il capoluogo lombardo. Tra i titoli cinematografici in programma, il film della regista milanese Marina Spada «Il mio domani» con Claudia Gerini e Paolo Pierobon. Mercoledì 27 giugno «The Artist», film vincitore del premio Oscar (h 21,45) e giovedì 28 giugno con «Pollo alle prugne» (h 21,45), tratto dal fumetto di Marjane Satrapi. Sabato 30 giugno c'è «Donpasta, Food sound Comasima» (h 19,30), una serata per mangiare e ascoltare le ricette della tradizione e quelle meticce, mentre sabato 7 luglio ci sarà la finale del torneo di calcio tra associazioni, comunità straniere e centri sociali.
Da segnare sul calendario il 19 luglio, con «Borsellino dopo vent'anni, per non dimenticare» a cui partecipano magistrati ed esponenti delle associazioni antimafia di Milano.
Infine spazio ai più giovani con i laboratori per adolescenti proposti dal Teatro Delle Albe; e «Tutte Le Cose Sono Imperfette», il laboratorio di Umbero Franchini, ideatore delle istallazioni sensoriali del Teatro de los Sentidos rivolto agli studenti d'arte, ma anche alle persone con curiosità, buona manualità e conoscenza degli strumenti di base.
Info: ingresso per teatro e musica costa 10 euro, l’ingresso al cinema 5 euro