Si uccide nella sua agenzia di viaggiSesto San Giovanni

Da poco aveva ceduto l'agenzia di viaggi di cui era stato titolare per diversi anni, ma aveva ancora le chiavi degli uffici per poter sistemare le ultime pratiche per il passaggio di consegne. Possiamo immaginare, quindi, il dramma, ieri alle 14.30, quando il dipendente di ritorno dalla pausa pranzo lo ha trovato senza vita dopo che si era sparato un colpo di pistola.
È accaduto in via IV novembre a Sesto San Giovanni, proprio a due passi dalla fermata della metropolitana di Sesto Rondò. La vittima, un uomo di 53 anni sposato e con figli, ha lasciato una lettera per spiegare le ragioni il gesto. Dalle poche righe s'intuisce che si è tolto la vita per ragioni che riguardano la sfera personale anche se la ragione vera e propria del gesto estrema non è chiara. Sul posto sono giunti prima gli operatori del 118 che hanno accertato che per il 53enne ormai non c'era più nulla da fare, quindi i poliziotti del commissariato di Sesto che stavano cercando di vederci chiaro. Dalle prime verifiche sarebbe emerso soltanto che l'uomo non ha fatto parola con nessuno delle sue intenzioni e che, anzi, proprio venerdì aveva detto ad alcuni amici di voler raggiungere la famiglia al mare.