Si vendica dei vicini ferendoli con l'ascia

Voleva centocinquanta euro. Li ha chiesti ai dirimpettai che conosceva solo di vista e al loro rifiuto, li ha massacrati a colpi di ascia. Una scena degna del peggiore film degli orrori, quella verificatasi all'alba di ieri in un appartamento di Desio, dove una coppia di origini romene è stata quasi uccisa da un connazionale. I due feriti sono ora in ospedale, le loro condizioni non destano particolari preoccupazioni, mentre l'aggressore è stato arrestato dai carabineri che l'hanno trovato in casa, quasi li aspettasse, visto che non ha nemmeno cercato di sbarazzarsi dell'arma e dei vestiti insanguinati.
Si conoscevano appena Ionei Mirea, 31 anni, muratore, e i due coniugi, 55 anni operaio lui, 40 anni badante lei. Regolari e incensurati, abitano infatti sullo stesso pianerottolo di via Cassino, senza andare oltre il buon giorno e buona sera nonostante la comune provenienza. L'altra sera Mirea era particolarmente agitato, gli mancavano infatti 150 euro per l'affitto. E così ha deciso di rivolgersi ai vicini. All'ora di cena ha suonato alla porta e senza giri di parole ha spiegato di avere disperato bisogno di soldi. Ma la risposta è stata sconfortante: la coppia gli ha spiegando di non avere molta disponibilità e di non essere in grado di aiutarlo. Senza tradire alcun disappunto, l'uomo è tornato nel suo appartamento.
Verso le cinque del mattino però, Mirea ha imbracciato un'ascia da muratore lunga quaranta centimetri, ha scavalcato la sua finestra percorrendo una piccola tettoia, si è intrufolato in casa dei vicini e si è lanciato sui due addormentati a letto colpendo più volte, sul corpo e sul viso, il marito. La moglie, svegliata di soprassalto, ha cercato di fuggire. L'aggressore l'ha raggiunta e colpita ad un braccio. Le grida disperate della coppia hanno svegliato i vicini che hanno chiamato il 112. Sul posto è arrivata una gazzella dei carabinieri della Compagnia di Desio. La scena che si è presentata ai militari è stata agghiacciante. Sangue ovunque, su muri e pavimenti. La coppia è stata soccorsa e trasportata d'urgenza in ospedale, dove i medici hanno dovuto operare marito e moglie per riparare ai danni delle ferite subite. L'aggressore nel frattempo era tornato nella sua casa, aveva riposto ascia e vestiti insanguinati in un sacchetto poi nascosto dietro un divano. Infine si è seduto ad aspettare i carabinieri.

Commenti

paolodb

Mer, 31/07/2013 - 12:13

Oh toh rumeni, ma che strano.

Ritratto di nero60

nero60

Mer, 31/07/2013 - 13:48

colpo alla nuca e via a concimare terreno del demanio.