Sicurezza, altro allarme dei tassistiIl sindacato chiede un incontro con il Prefetto

A gennaio, dopo diverse rapine e aggressioni a danno di tassisti, gli avevano chiesto un incontro e lui si era impegnato a organizzare un incontro tra le forze dell'ordine, il Comune di Milano ed il suo ufficio, per realizzare un coordinamento tra i diversi soggetti istituzionali, al fine di dare risposte immediate di intervento sul territorio. Per questo ora, in una lettera, i sindacalisti del Satam (Sindacato artigiani tassisti di Milano e Provincia) Nereo Villa e Raffaele Grassi, chiedono formalmente al prefetto Camillo Andreana, di realizzare quell'incontro istituzionale. In particolare dopo l'episodio dello scorso 2 aprile. Quando un malvivente, puntando un'arma contro il tassista, è stato costretto a dirigersi da piazza Bande Nere verso Vigevano. Durante il percorso il taxista ha premuto il pulsante d'allarme ed è stato richiamato dal supervisore che, a sua volta, ha subito contattato i carabinieri, senza però mai ricevere risposta. Per fortuna il taxista è poi riuscito a liberarsi del cliente senza nessuna ulteriore conseguenza.
«Diverse volte - conclude il Satam -, abbiamo chiesto a tutte le istituzioni risposte sulla situazione della sicurezza nella nostra città, considerato che ognuna, per le proprie competenze, ha obblighi precisi di tutela nei confronti della incolumità pubblica e della sicurezza urbana, siamo convinti che stavolta ci saranno risposte puntuali».