«Sinistra spaccata su Sala Forza Italia non si snaturi»

Il coordinatore provinciale degli azzurri lancia la sfida al Pd «Allarghiamo il perimetro della coalizione ma senza forzature»

Luca Squeri, coordinatore provinciale di Forza Italia. É il weekend delle primarie Pd ma anche il centrodestra sta finalmente stringendo il cerchio sul candidato. Sarà Stefano Parisi?«Entro una o al massimo due settimane verrà ufficializzato il nome, dopo che sapremo chi sarà l'avversario del Pd. Ma non c'è questa frenesia, il fattore positivo è che la macchina organizzativa di Fi si è messa in moto da settimane, in consiglio comunale, nelle zone, gli attivisti stanno operando in silenzio, magari senza fare notizia, ma andando a confrontarsi con i cittadini sui temi che saranno oggetto del programma». Bene il programma, ma se il vostro uomo sarà Parisi dovrà correre per acquistare popolarità tra i milanesi.«Ci sono 4 mesi di campagna, aspettare 7 o 10 giorni non cambia. L'ipotesi di Parisi è seria, concreta, poi si sono fatti i nomi di Sallusti e Santanchè che considero altrettanto buoni. Berlusconi, Salvini e la Meloni sceglieranno il profilo migliore a seconda di chi vincerà le primarie».Si rischia uno scontro tra l'ex city manager di Albertini (Parisi) e quello di Letizia Moratti, Giuseppe Sala. Come vede l'ipotesi?«Vedo il manager Sala in affanno e in imbarazzo, sta cercando di proporre un'immagine innaturale rispetto alla sua storia. E stanno uscendo enormi conflitti di interesse che non ha saputo gestire come commissario Expo».Lo hanno definito l'uomo del Partito della Nazione.«La sinistra è spaccata, mi fatto impressione leggere che persino Pierluigi Bersani ora si chieda se sia ancora il caso rimanere in un Pd che si sta snaturando. Matteo Renzi ha esagerato nell'opportunismo di cui è gran tessitore. E l'operazione Sala è la fotografia di quel disagio».Se vincerà Sala la sinistra radicale presenterà un candidato alternativo al Pd. Finirà come la Liguria, con il centrodestra che vince anche grazie ai due litiganti? «Se la coalizione avversa si spacca non può che essere un fattore positivo per noi». Oggi allo Spazio Oberdan (dalle 10) ha organizzato «Ripartiamo dalla Grande Milano» con Gelmini, Toti, Romani, Altitonante. Quali saranno i temi clou della campagna 2016?«Innanzitutto le tasse, che la giunta di sinistra ha raddoppiato in 5 anni. Mi mi viene da ridere sentire ora il vicesindaco Francesca Balzani proporre i bus gratis quando il primo atto di Pisapia è stato aumentare del 50% il biglietto Atm, è una sparata da candidata alle primarie. Poi il tema sicurezza e periferie».Ncd sarà nella coalizione?«C'è un'esagerata differenza tra il consenso ai sondaggi e la forza governativa di Ncd. Toccherà soprattutto al candidato allargare il perimetro della coalizione, ma senza forzature o compromessi. Tutto l'opposto dell'operazione Sala insomma». ChiCa

Annunci