Smog, si rischia il blocco auto una settimana prima di Natale

Prima di Natale potrebbero scattare i blocchi del traffico anti smog, mettendo fuori gioco le auto più vecchie. Al momento si tratta solo di un'ipotesi, ma le previsioni meteo non lasciano ben sperare. Con l'innalzamento delle temperature e l'assenza di vento previste per la prossima settimana, è facile che si raggiungano concentrazioni di Pm10 superiori ai 50 microgrammi per metro cubo. Dopo il superamento delle soglie di inquinamento per dieci giorni consecutivi, i protocolli ambientali della Provincia di Milano fanno scattare i divieti di circolazione. Stavolta il blocco arriverebbe proprio a una settimana dal Natale e, per revocare lo stop delle auto, ci vorrebbero tre giorni consecutivi con lo smog entro i limiti.
A confrontarsi sull'argomento sarà, lunedì pomeriggio, la cabina di regia, costituita dalla Provincia di Milano, per monitorare e proporre nuove azioni condivise. «Nonostante infatti i livelli di Pm10 siano scesi sotto la soglia venerdì 6 dicembre - spiega la Provincia - per questa settimana è previsto un innalzamento dei valori a causa del perdurare delle condizioni meteorologiche favorevoli all'accumulo di sostanze inquinanti. Per questo motivo, è possibile che, così come prevede il Protocollo d'intesa per il miglioramento della qualità dell'aria, a partire dal prossimo mercoledì 18 dicembre venga raggiunto il decimo giorno consecutivo e pertanto scatterebbe l'applicazione delle misure». Durante l'incontro, alla presenza dell'assessore all'Ambiente della Provincia di Milano, Cristina Stancari, si discuterà anche di un'eventuale deroga. Già, perché l'ipotesi di dover bloccare il traffico nei giorni a ridosso del Natale, ha già mandato in allarme parecchi sindaci dell'hinterland. Anche le associazioni di categoria e i commercianti si sono già fatte sentire. A Palazzo Isimbardi quindi si parlerà di come poter rinviare o sospendere il blocco del traffico.