Come sorprendere tutti con un biglietto per una serata a teatro

Avete già pensato ai regali di Natale? Difficile non farlo visto che da settimane, ormai, le vie delle città, i negozi e i supermercati ci ricordano, in ogni modo, che il 25 dicembre non è così in là nel tempo.Una questione annosa quella del dono giusto da fare, perché le idee, inevitabilmente, si esauriscono, anno dopo anno, di pari passo con la voglia di far passare in rassegna, come se fossero delle truppe, le vetrine milanesi in cerca di ispirazioni più o meno giuste. Eppure, senza troppo faticare, la soluzione potrebbe essere a portata di mano. Avete mai regalato un'emozione dal vivo? E non ci riferiamo solo a qualche gesto galante fatto da un corteggiatore (sono sempre meno, purtroppo, quelli che ti fanno un regalo...) alla sua innamorata.Il suggerimento è quello di sorprendere amici, conoscenti o parenti donando loro la possibilità di vedere, dal vivo, uno spettacolo teatrale. Un «cadeau» intelligente, sorprendente e inaspettato da far trovare sotto l'albero di Natale.Diciamocelo con estrema franchezza: spesso, dover cercare il pensierino, ci costa non solo tempo e fatica, ma anche da un punto di vista economico. Si ricorre, così, a soluzioni che finiscono per scontentare sia chi le acquista, sia, soprattutto, chi le riceve. La magia del teatro, invece, non solo non tradisce, ma è adatta facilmente a tutte le tasche, viste le tante soluzioni (sia singole, sia di abbonamento) che le sale milanesi offrono ai loro frequentatori.In questo Focus ne potrete leggere alcune, giusto per farvi ispirare nel modo giusto.Intanto diciamo subito che regalare un biglietto per uno spettacolo teatrale non solo è qualcosa di assolutamente gradito, ma un gesto che vi fa onore e vi qualifica. La cultura è fondamentale e va promossa anche con un dono natalizio. Chi riceve un simile presente capisce che è stato pensato, ricercato, personalizzato. Non frutto di un dovere, ma un piacere reale. E non ci riferiamo solo a scambi tra adulti. Provate a spiazzare vostro figlio, quello che è sempre incollato alle consolle o al telefonino, con un simile presente. Fategli scoprire che, oltre alla realtà virtuale, ne esiste una tangibile, palpabile. Insegnategli che la vita sociale e culturale è importante e che una serata a teatro è qualcosa di prezioso, un'esperienza indimenticabile, di qualità (termine sempre più desueto). E non importa quale tipo di spettacolo gli regalerete. È molto importante, invece, far capire ai giovani che questa forma di arte, unica nel suo genere, deve essere tramandata di generazione in generazione. Va vissuta, «respirata dal vivo», assaporata. Veder recitare, a pochi passi, un grande attore, infatti, è qualcosa di irripetibile. Un ricordo indelebile per chi non aveva mai visto uno spettacolo teatrale. Scoprire, ad esempio, quanto possa essere ancora attuale un testo classico, è senza dubbio anche un'esperienza sorprendente. Certo, il cinema va per la maggiore tra i ragazzi, ma educarli alla sala teatrale è un dovere di ogni adulto. Non dobbiamo avere paura di scontentarli. Magari, non vi ringrazieranno subito, ma vedrete che il seme gettato, prima o poi, germoglierà. Del resto, Milano è una città che dal punto di vista dell'offerta propone veramente molto, praticamente tutto.Opere moderne e titoli del passato, musical e commedie, fiabe e burattini, drammi e cabaret, sperimentazione e tradizione: sui palcoscenici della nostra città, ogni sera, va in onda una piccola fetta di mondo e a prezzi assolutamente accessibili. Tra l'altro, i più attenti scopriranno promozioni e agevolazioni varie. Sta quindi a noi aprire la porta per invitare qualcuno, con un regalo appropriato, ad entrare in questa magia.La cosa peggiore, semmai, è fargliela trovare chiusa.