Blitz tra gli stand contro il lavoro nero: in 16 non avevano contratto

Le attività imprenditoriali di tre aziende sono state sospese

Controlli congiunti per contrastare il lavoro nero e il caporalato durante il Salone del Mobile. I carabinieri e l'ispettorato del lavoro hanno controllato 6 padiglioni, ispezionando 45 ditte e identificando 100 lavoratori; 16 di questi sono risultati in nero, tra loro anche un sedicenne.

Le attività imprenditoriali di tre aziende sono state sospese, nell'attesa della regolarizzazione della posizione contrattuale e contributiva dei lavoratori. Sono stati inoltre riscontrati 5 subappalti irregolari con manodopera non rispondente ai canoni di legge, relativamente a 4 aziende lombarde e a una egiziana.

Per le violazioni comminate multe per 100mila euro.